Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

21/5/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























RICERCA E SVILUPPO
BrainPort V100

Utilizzare la lingua come strumento per non vedenti


Grazie ad un paio di occhiali neri e ad un piccolo dispositivo da posizioneare sulla lingua Ŕ possibile restituire parzialmente la capacitÓ di vedere. Il suo nome Ŕ BrainPort V100.
Redazione 25 Giugno 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
fonte: wired.it
Nuovo passo avanti nella scienza nella creazione di dispositivi utili per chi è cieco. Grazie ad un paio di occhiali neri e ad un piccolo dispositivo da posizioneare sulla lingua è possibile restituire parzialmente la capacità di vedere. Ma com´è possibile?

Il dispositivo si chiama BrainPort V100, prodotto dell´azienda americana Wicab che permette la trasformazione delle immagini in impulsi elettrici che possono essere percepiti con la lingua. Dopo un periodo di pratica, è possibile riuscire ad orientarsi e a riconoscere gli oggetti attorno.

Sarà perciò disponibile un nuovo supporto per le persone non vedenti, oltre ai bastoni ed ai cani guida. Dopo essere stato approvato  dalla Food and Drug Administration americana, il dispositivo è ora in vendita sia negli Stati Uniti che in Europa.


Il BrainPort V100 è composto da un paio di occhiali scuri muniti di videocamera, e di un dispositivo orale fornito di quasi 400 elettrodi. Il dispositivo orale serve per creare il collegamento con la lingua, destinataria dell´impulso elettrico finale, percepito tramite un leggero formicolio, che parte dalle immagini catturate dalla telecamera. Con il tempo e l´abitudine, i non vedenti saranno in grado di interpretare i segnali corrispondenti

Con l’esercizio, i non vedenti arrivano a interpretare i diversi segnali ricevuti e riconoscere posizione, dimensione, forma ed eventuale movimento degli oggetti. I test sono stati effettuati su 74 non vedenti che per un anno si sono esercitati con il BrainPort V100. Circa due terzi di loro sono riusciti ad imparare a riconoscere gli oggetti. Gli effetti colaterali sono stati minimi (pochissimi casi di piccole bruciature sulla lingua). Per ora solo il prezzo sembra proibitivo: quasi 10 mila dollari.
 


Ultime da Ricerca e sviluppo
Gran parte dell┤intelligenza si eredita dalla mamma
Italia-Israele: Ŕ sfida
Da Telethon oltre 1.480.000 euro alla ricerca scientifica in Veneto
Dopo 9 anni la sonda New Horizons ha raggiunto Plutone
Ricerca Unimib: frugando tra i ricordi i nostri occhi sembrano laser
Un collirio per la cura delle malattie neurodegenerative
Sul lungo termine gli antibiotici rendono i batteri pi¨ forti
Moglynet, tre milioni di euro al progetto coordinato dalla Statale di Milano
Trieste Next 2015, il salone europeo della ricerca scientifica
Finanziamento di 66 milioni per innovazione e ricerca in Emilia Romagna

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS