Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

21/11/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























INTERVISTE

Stefania Pellegrini parla di territorio e mafia al nord


L┤UniversitÓ di Bologna, nell┤ambito del progetto 5 per mille - Nutriamo la ricerca, ha realizzato delle interviste a ricercatori dell┤Alma Mater. Stefania Pellegrini, docente di Filosofia del diritto, parla di un progetto, unico in Italia, di mappatura dei beni confiscati alle mafie in Emilia-Romagna.
Redazione 24 Giugno 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
fonte: magazine.unibo.it
 Articoli simili
 Mafiamaps, la start up che mappa le attivitÓ mafiose
 Liliana Ferraro, una testimonianza contro la trattativa Stato-mafia

Quale contributo può offrire un Ateneo alla lotta alla criminalità organizzata sul territorio regionale?
La lotta alla criminalità organizzata deve essere svolta da più fronti. In quanto fenomeno criminale la mafia va combattuta e repressa con strumenti investigativi e repressivi, in quanto fenomeno sociale va prevenuta mediante la diffusione di una cultura dell’antimafia. La prima azione viene svolta dalle forze di polizia e dalla magistratura, la seconda dal sistema educativo nel quale rientra la formazione universitaria. Un Ateneo che si impegna a proporre un’offerta formativa in materia di mafie e antimafia dimostra di volersi impegnare nella formazione di futuri professionisti consapevoli delle dinamiche mafiose. Conoscere il fenomeno mafioso consente anche di ri-conoscere le sue modalità di manifestazione e prevenire l’infiltrazione nelle tessuto economico-politico e sociale.

Il vostro lavoro è portato avanti anche dagli studenti del master intitolato a Pio La Torre. In che modo? Quale il loro apporto?
Il Master di II livello in “Gestione e riutilizzo di beni e aziende confiscati alle mafie. Pio La Torre” rappresenta l’evoluzione di un’offerta formativa nata più di dici anni fa come seminario universitario. La gestione dei beni confiscati alle mafie e il suo riutilizzo a fini sociali rappresenta uno strumento essenziale di lotta alle mafie all’avanguardia a livello internazionale. Si tratta di uno strumento giudiziario e al contempo sociale. I mafiosi vengono puniti mediante l’ablazione dei loro beni e la società recupera quanto la mafia le aveva illecitamente sottratto. Uno dei progetti nati dal Master Pio La Torre è la Mappatura georeferenziata dei beni confiscati in Emilia-Romagna che consente l’individuazione dei beni confiscati mediante una localizzazione geografica e un catalogazione di documenti, dal materiale fotografico ai documenti giudiziari e planimetrico-strutturali, che permette al cittadino o all’Ente Locale di effettuare una reale individuazione dei beni sul territorio regionale.

Quale ruolo può avere secondo lei la ricerca condotta all’interno dell’Ateneo per lo sviluppo della società e del territorio?
La conoscenza del proprio territorio e del livello di infiltrazione mafiosa permette di prendere consapevolezza della fragilità del proprio sistema economico e della perniciosità del sistema mafioso. Formare professionisti consapevoli di questo pericolo consente di equipaggiarli per lo meno ad evitare di venire inconsapevolmente coinvolti in certe dinamiche se non a stimolare coloro che sceglieranno poi di diventare operatori dell’antimafia giudiziaria. Non solo. Il progetto della mappatura, da progetto di tesi finale del Master sta diventando uno strumento non solo di comunicazione e di trasparenza dei dati, ma anche di pianificazione territoriale e programmazione di investimenti. Chi vuole investire con progetti sociali utilizzando beni confiscati (da appartamenti, casa coloniche o poderi) può effettuare una prima individuazione dei beni attraverso la mappatura caricata su www.mafieeantimafia.it.

Come possono i cittadini contribuire alla ricerca?
La costante diminuzione dei fondi per la ricerca ha comportato che progetti come questi si basino sull’azione di volontariato di coloro che ci lavorano. Di conseguenza, non si può sempre contare sulla disponibilità di giovani studiosi che hanno nuove professionalità i quali necessariamente devono svolgere altre attività per poter vivere. Il contributo dei cittadini permetterebbe a questi giovani di continuare a crescere in questo settore e al contempo rappresenterebbe un preziosissimo servizio alla collettività.

(magazine.unibo.it)
 


Ultime da Interviste
Il futuro dei droni, intervista a Roberto Alfieri
Mafia capitale e il rapporto tra politica e sistema criminale
Vincenzo Trione parla della collaborazione tra IULM e Biennale di Venezia
(S)vantaggi di essere uomini o donne nel giornalismo
Alessandra Bordoni, ricercatrice Unibo, parla del suo progetto sulla corretta alimentazione
Matteo Calvaresi, nanoparticelle per combattere l┤inquinamento atmosferico.
Arianna Ciccone intervista Enrico Mentana e Marco Damilano
Intervista a Susi Pelotti: prevenire la violenza sulle persone fragili
Intervista ad Alberto Regattieri
Gazebo intervista il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS