Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

2/12/2020  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























RICERCA E SVILUPPO
Anche il gruppo Finmeccanica ha partecipato

Sonda Rosetta: il contributo italiano


La sonda Rosetta, dopo dieci anni di viaggio, ha raggiunto la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko e ora orbita a 100 chilometri di distanza dal corpo celeste. Anche numerose imprese italiane (tra cui quelle del gruppo FInmeccanica) hanno partecipato al progetto.
Redazione 8 Agosto 2014 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
La sonda Rosetta (Wired)
IL RUOLO DELL’ITALIA - La missione dell’Agenzia spaziale europea (Esa) ha anche un cuore italiano. La partecipazione del nostro Paese e’ avvenuta tramite il ruolo centrale dell’Agenzia spaziale italiana (Asi) e ha visto impegnate le aziende del gruppo Finmeccanica (Finmeccanica Selex ES, Telespazio e Thales Alenia Space), sia nella parte di progettazione ed esecuzione del lungo viaggio verso la cometa, sia per quanto riguarda l’ideazione di progetti di ricerca. Inoltre, e’ stata l’Italia a realizzare diversi strumenti fondamentali per la riuscita della missione.

GLI STRUMENTI SCIENTIFICI DELLA SONDA - A bordo dell’orbiter tre strumenti su undici sono Made in Italy. Sotto la guida di Finmeccanica Selex ES sono stati realizzati Virtis e Giada. Di responsabilita’ italiana anche la Wide Angle Camera (Wac)dello strumento Osiris. Virtis, acronimo di Visual InfraRed and Thermal Imaging Spectrometer, e’ stato realizzato sotto la supervisione di Fabrizio Capaccioni dell’Iaps (Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali, fa parte dell’Istituto Nazionale di Astofisica) e combina 3 canali di osservazione in un unico strumento, due dei quali saranno utilizzati nella ricostruzione della mappa spettrale del nucleo. I dati ottenuti, combinati con i dati acquisiti da altri strumenti, saranno utilizzati per selezionare la zona sulla quale far posare il lander Philae, il cui atterraggio e’ previsto per novembre. Lo strumento Giada, Grain Impact Analyser and Dust Accumulator, di cui e’ principal investigator Alessandra Rotundi, dell’Universita’ degli Studi di Napoli ‘Parthenope”, e’ uno strumento in grado di analizzare le polveri e i piccoli grani di materiale presenti nella chioma della cometa misurandone le proprieta’ fisiche e dinamiche, tra cui la dimensione, il rapporto tra materiale granuloso e quello gassoso, la velocita’ delle particelle. La Wac, realizzata sotto la supervisione scientifica di Cesare Barbieri dell’Universita’ di Padova, e’ lo strumento principale della missione Rosetta per la raccolta delle immagini della cometa. E’ progettato per lo studio accurato delle emissioni gassose della cometa sia nel visibile che nella banda UV.

L’ORBITER - Di fabbricazione Finmeccanica-Selex ES anche la preziosa navigation camera, che ha fornito le prime immagini della cometa, svelandone la forma, e il piu’ esteso sistema di pannelli solari mai realizzato per una missione Esa (60 mq). Di stessa marca l’autonomous star tracker (STR) che, garantendo il corretto controllo d’assetto della sonda, ha contribuito al successo dell’operazione di riaccensione lo scorso 20 Gennaio.
 
IL LANDER - A bordo di Philae, il lander che atterrera’ sulla cometa, parlano italiano il ‘trapano’ Sample Drill&Distribution (SD2) e il sottosistema dei pannelli solari, realizzati entrambi da Finmeccanica- Selex ES. Philae e’ stato progettato e realizzato da Asi, Dlr e Cnes.

TELESPAZIO - Telespazio e’ stata coinvolta in tutte le fasi della missione: dai primi scenari virtuali con il simulatore fino al momento, molto piu’ concreto, del contatto con la cometa. Attraverso la controllata Telespazio VEGA Deutschland ha sviluppato infatti il simulatore per il Rosetta Orbiter e ha guidato la campagna di simulazione e formazione del Flight Control Team in tutte le fasi della missione. La societa’ ha inoltre sviluppato il Mission Control System e il Mission Planning System, e suo personale fa parte dei team di Flight Control e Flight Dynamics di Rosetta. Infine, la societa’ supporta le operazioni legate alla missione di Philae.

THALES ALENIA SPACE - La missione Rosetta consolida la presenza e l’esperienza di Thales Alenia Space nella realizzazione di satelliti scientifici. L’azienda, joint venture tra Thales 67% e Finmeccanica 33%, ha preso parte alla missione Rosetta in qualita’ di contraente principale per conto della capocommessa Airbus Defence and Space (prima Astrium) per le attivita’ di assemblaggio, integrazione e prove del satellite, per le quali ha provveduto anche alla definizione ed all’approvvigionamento delle attrezzature meccaniche ed elettriche di supporto a Terra, Mgse (Mechanical Ground Support Equipment) ed Egse( Electrical Ground Support Equipment). Rosetta e’ una missione dagli aspetti particolarmente complessi, primo fra tutti la sua lunga durata, che rendono qualificante il lavoro a livello sistemistico, di integrazione e verifica. Oltre al ruolo durante la campagna di lancio della sonda, Thales Alenia Space ha realizzato lo speciale trasponditore digitale di bordo del satellite, operante in banda S e X, essenziale per il collegamento tra la sonda e la Terra. Il Deep Space Transponder, infatti, e’ un apparato estremamente innovativo e costituisce di la piattaforma di riferimento per le missioni interplanetarie. Di particolare rilevanza e’ stata la verifica delle funzionalita’ operative autonome di cui e’ dotata la sonda in quanto, a causa delle notevole distanza da Terra, i segnali radio impiegano oltre 20 minuti per raggiungerla e altrettanti per arrivare al centro di controllo Esa di Darmstadt (Germania).

(fonte:meteoweb.eu)

Ultime da Ricerca e sviluppo
Gran parte dell┤intelligenza si eredita dalla mamma
Italia-Israele: Ŕ sfida
Da Telethon oltre 1.480.000 euro alla ricerca scientifica in Veneto
Dopo 9 anni la sonda New Horizons ha raggiunto Plutone
Ricerca Unimib: frugando tra i ricordi i nostri occhi sembrano laser
Un collirio per la cura delle malattie neurodegenerative
Sul lungo termine gli antibiotici rendono i batteri pi¨ forti
Moglynet, tre milioni di euro al progetto coordinato dalla Statale di Milano
Trieste Next 2015, il salone europeo della ricerca scientifica
Finanziamento di 66 milioni per innovazione e ricerca in Emilia Romagna

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS