Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

23/1/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























EDUCAZIONE
I risultati di uno studio anglo-americano

Se si va male a scuola Ŕ colpa della genetica


Un team di ricercatori della Goldsmiths di Londra e dell┤UniversitÓ dell┤Ohio ha comparato i risultati di oltre 13.000 gemelli in vari paesi del mondo: secondo lo studio gli scarsi risultati scolastici dipendono in gran parte da fattori genetici ereditati dai genitori.
Redazione 14 Aprile 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
fonte: curiosblog.rottigni.net
 Articoli simili
 Scuola, un episodio di bullismo su 3 commesso da ragazze

Se i figli non hanno inclinazione all’apprendimento, la colpa è di mamma e papà. Lo sostiene una recente ricerca che avrebbe scoperto una correlazione tra propensione allo studio e patrimonio genetico. Alcuni scienziati della Goldsmiths University of London e della Ohio State University (USA) hanno, infatti, pubblicato uno studio che addossa ai genitori la responsabilità per i risultati scolastici deludenti dei figli, fornendo a questi ultimi una formidabile arma di difesa contro le lamentele di mamma e papà per i brutti voti ottenuti.

 

Secondo quanto riportato sulla rivista Personality and Individual Differences, che ha pubblicato la ricerca, la propensione allo studio sarebbe scritta nel DNA per il 40-50 per cento. I dati raccolti dal team anglo-americano hanno ridimensionato il ruolo degli stimoli ambientali provenienti dalla famiglia e dagli insegnanti sulla motivazione all’apprendimento, enfatizzando invece l’importanza di avere genitori a loro volta inclini allo studio per sviluppare tale caratteristica.

 

La conclusione tratta dai ricercatori sulla natura della propensione allo studio viene dall’analisi di oltre 13mila gemelli appartenenti alla fascia d’età 9-16 anni, provenienti da Regno Unito, Giappone, Germania, Canada, Stati Uniti e Russia. In tali paesi vi sono vistose differenze nei sistemi scolastici e anche diversi atteggiamenti nei confronti dello studio: in Giappone, ad esempio, il sistema scolastico è molto rigoroso e fortemente competitivo, avere dei buoni voti è ritenuto estremamente importante e le famiglie investono moltissime risorse sull’educazione dei propri figli; negli USA e nel Regno Unito, invece, l’atteggiamento nei confronti dello studio è meno rigido. Nonostante questo, spiega Stephen Petrill della Ohio State University, uno degli autori dello studio, “abbiamo ottenuto risultati abbastanza coerenti in tutti questi diversi paesi con i loro differenti sistemi educativi e culture”, risultati che mostravano una correlazione tra le attitudini dei genitori e quelle dei figli.

 

Quindi, visto che la propensione allo studio è scritta nel DNA, i genitori dei ragazzi che a scuola si dimostrano più negligenti farebbero meglio a prendersela con se stessi piuttosto che con i loro figli. Una bella rivincita per questi ultimi e una bella batosta per i primi.

(universita.it)


Ultime da Educazione
Istat: dati preoccupanti per il bullismo in Italia
Uomini VS Donne
Scambio culturale sulle arti tradizionali
Scambio interculturale in Polonia su sport e integrazione
Le 33 competenze richieste agli insegnanti nel XXI secolo
Prestiti e supporto economico per studenti di magistrale in Erasmus
Unimi: nuovi corsi di studio ed esonero totale dalle tasse per studenti meritevoli
Premi di laurea per tesi in ambito sportivo
La riforma della scuola passa alla Camera, ora tocca al Senato
Corsi estivi in Cooperazione dello Sviluppo

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS