Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

1/4/2020  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























INTERVISTE

Scienza e arte, intervista a Vincenzo Schettino, chimico e scrittore


Chi ha detto che arte e scienza sono due mondi separati? Non Ŕ questa la tesi di Vincenzo Schettino, docente di Chimica a Firenze, che nel suo libro cerca di dimostrare i continui intrecci fra letteratura, arti figurative e la sua disciplina.
Redazione 14 Aprile 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
fonte: comune.fi.it
 Articoli simili
 Vincenzo Schettino, "Scienza e arte"

“È un incolore liquido,/d┤odor molto pungente,/solubile e miscibile/con l┤acqua facilmente./Per ottenerlo, i chimici,/in epoche più antiche,/crudeli, distillavano/le povere formiche”. Chi immaginerebbe che la descrizione dell’acido formico possa essere divertente? Eppure Alberto Cavaliere, giornalista e politico di formazione scientifica, scrisse alla fine degli anni Venti un trattato di “Chimica in versi” che è tuttora uno dei più brillanti esempi nella divulgazione di una disciplina spesso ritenuta oscura. Non è un caso: che la chimica si intrecci di continuo, nei secoli, con le più varie forme d’arte è la tesi di Vincenzo Schettino, professore emerito dell’Università di Firenze. Il suo Scienza e arte (Firenze University Press, 2014), uno dei cinque volumi finalisti del Premio letterario Galileo presentati a Padova, è una panoramica sulle connessioni, ora note ora insospettabili, tra chimica, poesia, architettura, teatro, pittura, narrativa. Una prova, per l’autore, del più generale compenetrarsi di arte e sapere scientifico, mondi nient’affatto discordi o incompatibili.

Perché un chimico sceglie di scrivere di poesia e architettura?

Normalmente i ruoli sono opposti, perché sono i letterati e i filosofi della scienza che amano indagare sugli intrecci tra arte e discipline scientifiche. Io ho voluto esplorare questo tema dal punto di vista dello scienziato. Del resto sono campi destinati a incontrarsi: gli artisti riconoscono spesso che la loro opera è frutto di ricerca, mentre gli scienziati rivendicano il ruolo dell’immaginazione e dell’intuizione nel loro lavoro.

Nel libro lei cita molti scrittori che usano la narrazione per trattare di chimica, come Primo Levi o Raymond Queneau. È, il loro, un antidoto efficace a un linguaggio tecnico poco comprensibile al grande pubblico?

La chimica, di solito, fa paura. È percepita dai non specialisti come ostica e sconosciuta. E quindi è importante saperne parlare usando registri diversi, narrativi o almeno semplificati. Non è una velleità: anche i concetti più complessi possono essere illustrati in modo semplice. Negli Stati Uniti molti corsi di chimica affiancano al docente “tecnico” un letterato, che insegna agli allievi come trasporre quei concetti in un linguaggio piano, o addirittura in poesia. È l’antica tradizione anglosassone, quella della Royal Society. Rendere una scienza piacevole e divertente non è reputato, come a volte accade in differenti contesti culturali, disdicevole. 

Ma è così necessario che la chimica diventi patrimonio di un pubblico di non addetti ai lavori?

Vede, ai nostri giorni stiamo assistendo a un paradosso. L’uomo ha sviluppato la tecnologia per sfuggire all’ignoranza e alla superstizione. Oggi siamo circondati da dispositivi sofisticati, però nessuno ha la minima idea dei loro meccanismi di funzionamento: uso il mio smartphone di continuo, ma ignoro totalmente com’è fatto. Così si ritorna a un rapporto con gli oggetti che ha quasi caratteri magici. La chimica serve anche a questo, a essere coscienti degli strumenti che utilizziamo.

Qual è l’immagine che della chimica ha la maggioranza delle persone?

Quella di una disciplina ancora troppo lontana, complicata. L’unico vero salto nella consapevolezza di quanto la chimica sia essenziale per ognuno di noi si è avuto negli anni Cinquanta, con lo sviluppo della coscienza ecologica e delle scienze ambientali e quindi, parallelamente, della necessità di un’etica della chimica. Per il resto, la materia è ancora troppo poco familiare. Sono quindi fondamentali iniziative come quella del 2011, l’anno internazionale della chimica, o tutti gli eventi divulgativi che aprono i laboratori degli atenei ai ragazzi. Direi che tutto sommato, in Italia, l’azione divulgativa che funziona meglio è proprio quella rivolta ai giovanissimi, perché la chimica viene presentata anche in modo spettacolare, stupefacente.

Dopo “Scienza e arte” ha in mente altri progetti divulgativi?

Sto lavorando a un nuovo libro, un’antologia di poesie italiane e straniere che hanno per oggetto la chimica. Spero di riuscire a pubblicarlo la prossima estate.

In conclusione, in Italia a che punto siamo nella divulgazione scientifica?

Ci sono iniziative interessanti, ma in generale siamo indietro. Vi sono ambienti in cui è ancora diffusa una mentalità un po’ snob, secondo la quale ampliare la propria platea, e quindi ammorbidire il linguaggio, equivale a svilire la propria autorevolezza. Io invece mi chiedo se è utile che i miei studi contemplino soltanto articoli rigorosissimi che nessuno, al di fuori dei miei colleghi, potrebbe capire. Vorrei ricordare che il più grande divulgatore scientifico della storia è stato Galileo Galilei. E non mi sembra esattamente una figura che difetti di autorevolezza.


(unipd.it)


Ultime da Interviste
Il futuro dei droni, intervista a Roberto Alfieri
Mafia capitale e il rapporto tra politica e sistema criminale
Vincenzo Trione parla della collaborazione tra IULM e Biennale di Venezia
Stefania Pellegrini parla di territorio e mafia al nord
(S)vantaggi di essere uomini o donne nel giornalismo
Alessandra Bordoni, ricercatrice Unibo, parla del suo progetto sulla corretta alimentazione
Matteo Calvaresi, nanoparticelle per combattere l┤inquinamento atmosferico.
Arianna Ciccone intervista Enrico Mentana e Marco Damilano
Intervista a Susi Pelotti: prevenire la violenza sulle persone fragili
Intervista ad Alberto Regattieri

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS