Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

24/7/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























CAPITALE UMANO
E la lotta per la casa prosegue

Roma, l┤Angelo Mai riaprirÓ tra 10 giorni


Il tribunale del Riesame respinge la richiesta di arresti per Pina Vitale e altri 13 attivisti del comitato popolare di lotta per la casa
Redazione 8 Maggio 2014 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
La bru­sca e folle discesa verso la cri­mi­na­liz­za­zione delle auto­ge­stioni romane è stata fer­mata ieri da una nuova sen­tenza del tri­bu­nale del rie­same della Capi­tale. La richie­sta del Pm Luca Tesca­roli di 14 misure cau­te­lari per la por­ta­voce del comi­tato popo­lare di lotta per la casa Pina Vitale e altri 13 atti­vi­sti. Dopo la sen­tenza sul dis­se­que­stro dell’Angelo Mai, che da dieci anni con­di­vide un per­corso poli­tico con il comi­tato, que­sta è un nuovo arre­sto per un maxi­pro­cesso con 40 inda­gati per «asso­cia­zione a delin­quere» e «vio­lenza pri­vata» e oltre 200 per­sone incri­mi­nati per occu­pa­zione abu­siva, quella delle ex scuole in via delle Aca­cie e in via Tusco­lana a Roma rap­pre­sen­tate in video e audio-documentari come modelli di con­vi­venza e inclu­sione sociale.
 
Accuse pesan­tis­sime che dovranno essere dimo­strate in dibat­ti­mento sulle quali la stampa della destra romana, il Cor­riere della Sera e, ancora ieri, Il Mes­sag­gero di Cal­ta­gi­rone ha ini­ziato all’indomani del 19 marzo, il giorno del seque­stro del’Angelo Mai e del primo sgom­bero delle occu­pa­zioni abi­ta­tive, quella che gli atti­vi­sti dell’Angelo Mai hanno defi­nito in un comu­ni­cato «una gogna della dif­fa­ma­zione e della calun­nia per­pe­trate da una stampa deni­gra­to­ria, igno­rante e molto fedele al pro­prio padrone».
Ad oggi, è stato respinto il primo ten­ta­tivo repres­sivo e media­tico di ridurre a reato penale il diritto fon­da­men­tale all’abitare e la pra­tica dell’autogoverno di comu­nità soli­dali in una città che Giu­lio Carlo Argan definì «piena di gente senza casa e di case senza gente».

L’azione con­tro il comi­tato popo­lare di lotta per la casa e l’Angelo Mai è seguita a quella che coin­volse il 13 feb­braio scorso altri due com­po­nenti del movi­mento romano di lotta per la casa, i Bloc­chi pre­cari metro­po­li­tani e il Coor­di­na­mento cit­ta­dino di lotta per la casa, oltre che il gruppo napo­le­tano dei Pre­cari Bros. Tra le accuse rivolte a que­sti atti­vi­sti c’era «rapina di man­ga­nello», oltre che «adu­nata sedi­ziosa» avve­nuta in occa­sione di un cor­teo a Roma il 31 otto­bre 2013. Seb­bene i gior­nali dediti alla pub­bli­ca­zione di inter­cet­ta­zioni non l’abbiano ripor­tata, le accuse sono state respinte dai giu­dici del tri­bu­nale del riesame.
 
La ria­per­tura dell’Angelo Mai avverrà tra una decina di giorni e con ogni pro­ba­bi­lità sarà l’occasione di un’altra «pic­cola Wood­stock» come quelle del 6 e del 25 aprile dove più di cin­que­mila per­sone hanno mani­fe­stato la loro soli­da­rietà. Per gli arti­sti sarà anche «l’occasione per con­ti­nuare la straor­di­na­ria lotta che ci ha tenuto insieme». Hanno già fis­sato un’assemblea nel parco San Seba­stiano dov’è attiva la scuola ele­men­tare Giar­di­nieri. I geni­tori, e i bam­bini che hanno par­te­ci­pato ai labo­ra­tori orga­niz­zati dagli arti­sti, non hanno fatto man­care la stima per il loro ope­rato. Nel cen­tro cul­tu­rale verrà inol­tre inau­gu­rato uno spor­tello per l’emergenza abi­ta­tiva. Verrà chia­mato «La prima cosa».
 
Info via Il Manifesto (articolo di Roberto Ciccarelli)
 

Ultime da Capitale umano
Scambio culturale in Georgia
La metro M5 arriverÓ fino a Monza
"Costruiamo il futuro", verso lo sciopero del 5 dicembre
La Commissione europea lancia un contest di scrittura
Nel 2013 pi¨ di 120 milioni di europei a rischio povertÓ o esclusione sociale
Premio EGO per le start-up pi¨ innovative
Expo premia le donne
Pulizie a domicilio, arriva Easyfeel
Crowdfunding: 3 false credenze e 3 consigli
Metti un Fablab nel deserto

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS