Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version française Versione italiana

21/5/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
Società
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
Università
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIETÀ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























RICERCA E SVILUPPO
Cnr

Ricerca sul rapporto tra cancro e agenti chimici ambientali


Ricercatori dell´Istituto di genetica molecolare del Cnr di Pavia hanno fatto parte di una task force internazionale che ha studiato l´effetto dell´esposizione a basse dosi di agenti chimici ambientali nella genesi del cancro. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica internazionale Carcinogenesis della Oxford University Press.
Redazione 25 Giugno 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
fonte: meteoweb.eu
 Stime dell´Organizzazione mondiale dalla sanità e dell´Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro indicano che la frazione di tumori attribuibili all´esposizione ad agenti tossici ambientali sia compresa tra il 7% e il 19%. 174 ricercatori impegnati nella ricerca sui tumori provenienti da 28 paesi, tra cui Chiara Mondello e Ivana Scovassi dell´Istituto di genetica molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche di Pavia (Igm-Cnr), hanno approfondito la relazione tra ambiente e cancro analizzando criticamente dati tossicologici pubblicati in letteratura.

I risultati del lavoro di questo gruppo di ricercatori hanno dato origine a 12 review pubblicate dalla rivista scientifica Carcinogenesis (Oxford University Press) in un numero speciale intitolato ‘Assessing the Carcinogenic Potential of Low Dose Exposures to Chemical Mixtures in the Environment´.
"Sono state esaminate undici caratteri biologiche (hallmark) tipiche dei tumori e per ciascuna di queste sono stati individuati dieci target, geni o processi cellulari, la cui distruzione comporta lo sviluppo dell´hallmark stesso.

Sono stati quindi presi in considerazione agenti chimici diffusi nell´ambiente, non ancora stabiliti come cancerogeni, potenzialmente in grado di interferire con questi target" afferma Mondello. "Tra gli 85 agenti chimici presi in esame ne sono stati identificati 50 (vedi tabella allegata) in grado di influenzare i meccanismi coinvolti nella carcinogenesi a concentrazioni a cui si possono trovare nell´ambiente, svolgendo quindi possibili azioni cancerogene.

Lo studio ha messo in luce, inoltre, come uno stesso agente chimico possa colpire più target implicati nella cancerogenesi ed uno stesso target possa essere bersaglio di più agenti chimici. Questo suggerisce che l´eventuale effetto cancerogeno di miscele di agenti chimici non possa essere ignorato e debba essere ulteriormente studiato, vagliando sia una possibile additività di dose di diversi agenti chimici, sia la possibile azione di questi su molteplici pathway".

Il lavoro del team, coordinato dalla Ong "Getting to know cancer" (www.gettingtoknowcancer.org), mostra quanto questo campo di studio sia ancora aperto. "Poiché ci sono evidenze che un´elevata percentuale dei tumori sia dovuta ad esposizioni ambientali non correlate allo stile di vita personale, i risultati del lavoro indicano quanto sia importante che questo settore di ricerca venga potenziato per ottenere nuove informazioni", conclude la ricercatrice dell´Igm-Cnr. "Queste problematiche devono essere portate all´attenzione della comunità scientifica così da stimolare lo sviluppo e il finanziamento di progetti di ricerca, necessari per poter approfondire gli studi iniziati".

(cnr.it)

Ultime da Ricerca e sviluppo
Gran parte dell´intelligenza si eredita dalla mamma
Italia-Israele: è sfida
Da Telethon oltre 1.480.000 euro alla ricerca scientifica in Veneto
Dopo 9 anni la sonda New Horizons ha raggiunto Plutone
Ricerca Unimib: frugando tra i ricordi i nostri occhi sembrano laser
Un collirio per la cura delle malattie neurodegenerative
Sul lungo termine gli antibiotici rendono i batteri più forti
Moglynet, tre milioni di euro al progetto coordinato dalla Statale di Milano
Trieste Next 2015, il salone europeo della ricerca scientifica
Finanziamento di 66 milioni per innovazione e ricerca in Emilia Romagna

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
Parità di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'università?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L´equazione dell´anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS