Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

23/7/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























RICERCA E SVILUPPO
Ricerca e Cnr

Ricerca del Cnr sullo scivolamento degli atomi


╚ possibile cambiare le proprietÓ di scivolamento di atomi su una superficie, passando da un regime di bassissimo a uno di altissimo attrito: lo dimostra uno studio in collaborazione tra SISSA, Cnr, ICTP, UniversitÓ di Padova e UniversitÓ di Modena e Reggio Emilia, pubblicato sulla rivista Nature Nanotechnology.
Redazione 24 Giugno 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
fonte: ansa
È possibile variare (anche in modo drastico) le proprietà di scivolamento di atomi su una superficie modificando dimensione e "compressione" dei loro aggregati: una ricerca sperimentale/teorica che ha visto collaborare la SISSA, l┤Istituto Officina dei Materiali del Cnr (Iom-Cnr-Democritos), l┤ICTP a Trieste, l┤Università di Padova, l┤Università di Modena e Reggio Emilia, e l┤Istituto Nanoscienze del Cnr (Nano-Cnr) di Modena, è stata pubblicata sulla rivista Nature Nanotechnology.

(Nano)isole che scivolano liberamente su un mare di rame, ma quando diventano troppo grandi (e troppo dense) finiscono per incagliarsi: così si può descrivere il sistema studiato nella ricerca pubblicata su Nature Nanotechnology. "Possiamo passare da uno stato di superlubricità a uno di fortissimo attrito, in maniera repentina, variando alcuni parametri del sistema che stiamo studiando. In questo lavoro abbiamo usato atomi di xeno, un gas nobile, legati fra loro a formare isole bidimensionali, depositati su una superficie di rame (Cu 111). A basse temperature questi aggregati scivolano praticamente senza attrito", spiega Giampaolo Mistura dell┤Università di Padova. "Abbiamo aumentato la dimensione delle isole aggiungendo atomi di xeno, e fino a che non si copre tutta la superficie disponibile l┤attrito diminuisce in maniera graduale. Quando però lo spazio disponibile finisce, e l┤aggiunta di atomi causa la compressione delle isole, allora si osserva un aumento eccezionale dell┤attrito".

Lo studio si è diviso in una parte sperimentale (svolta principalmente dall┤Università di Padova e nei laboratori modenesi di Università di Modena e Reggio Emilia e Nano-Cnr) e una teorica (basata su modelli e simulazioni al computer) condotta da SISSA/Iom-Cnr-Democritos/ICTP. "Per comprendere cosa accade quando si comprimono le isole è fondamentale il concetto di ‘commensurabilità dell┤interfaccia┤", spiega Roberto Guerra, ricercatore della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste, fra gli autori della ricerca. "Possiamo immaginare il sistema da noi studiato come formato da mattoncini di Lego. Il substrato di rame è come un assemblaggio orizzontale di mattoncini e le isole di xeno come dei pezzi sciolti", commenta Guido Paolicelli di Cnr-Nano di Modena. "Se il substrato e le isole sono fatti da mattoncini diversi (per larghezza e distanza dei pioli) le isole non potranno mai bloccarsi sul substrato. Questa situazione riproduce il nostro sistema a temperature poco sopra lo zero assoluto dove osserviamo uno stato di superlubricità, con un attrito quasi nullo. L┤aumento di superficie delle isole e la successiva compressione del materiale però fa si che queste finiscono per essere commensurate al substrato - come mattoncini con lo stesso passo - e a quel punto, in maniera improvvisa, si bloccano".

Lo studio dimostra per la prima volta che è possibile variare drasticamente lo scivolamento dei nano-oggetti. "Possiamo immaginare svariate applicazioni", conclude Guerra. "Si potrebbero per esempio progettare dei nano-cuscinetti in grado di bloccarsi sotto certe condizioni, il tutto in maniera reversibile".

(cnr.it)

Ultime da Ricerca e sviluppo
Gran parte dell┤intelligenza si eredita dalla mamma
Italia-Israele: Ŕ sfida
Da Telethon oltre 1.480.000 euro alla ricerca scientifica in Veneto
Dopo 9 anni la sonda New Horizons ha raggiunto Plutone
Ricerca Unimib: frugando tra i ricordi i nostri occhi sembrano laser
Un collirio per la cura delle malattie neurodegenerative
Sul lungo termine gli antibiotici rendono i batteri pi¨ forti
Moglynet, tre milioni di euro al progetto coordinato dalla Statale di Milano
Trieste Next 2015, il salone europeo della ricerca scientifica
Finanziamento di 66 milioni per innovazione e ricerca in Emilia Romagna

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS