Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

27/6/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























UNIVERSIT└
UniversitÓ

Rapporto 2015 sulla condizione degli studenti


Le politiche adottate dagli ultimi governi, accusa il CNSU, hanno determinato un peggioramento della condizione degli universitari, che devono fare i conti con un welfare studentesco che fa acqua da tutte le parti e con le minori opportunitÓ lavorative comportate dal perdurare nel nostro Paese di avverse condizioni economiche.
Redazione 16 Luglio 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
fonte: universita.it
 Articoli simili
 Tutte le date dei test d┤ingresso
 Ridotti i posti disponibili a medicina
Tempi duri per gli universitari italiani. A confermarlo è il Rapporto sulla condizione studentesca 2015, stilato dal Comitato nazionale degli studenti universitari (CNSU), che segnala come negli ultimi anni siano diminuite le b0rse di studio, i posti nelle residenze destinati ai fuori sede e il numero degli stranieri iscritti ai nostri atenei, mentre al contempo sono cresciute le tasse universitarie.

Le politiche adottate dagli ultimi governi, accusa il CNSU, hanno determinato un peggioramento della condizione degli universitari, che devono fare i conti con un welfare studentesco che fa acqua da tutte le parti e con le minori opportunità lavorative comportate dal perdurare nel nostro Paese di avverse condizioni economiche.

Gli impietosi numeri del Rapporto sulla condizione studentesca 2015 mostrano che la percentuale di studenti che beneficiano di una borsa di studio sul totale della popolazione universitaria dal 2006/2007 al 2012/2013 è calata dell’8 per cento, mentre in Francia e Germania è aumentata rispettivamente del 34 e del 33 per cento e in Spagna addirittura del 59. Così, in Italia, solo il 2,4 per cento del totale riceve un contributo per proseguire gli studi accedendo all’istruzione terziaria. E, quel che è peggio, secondo il CNSU, è che siano gli studenti stessi ad autofinanziare le borse, visto che esse sono coperte per la maggior parte (il 42 per cento) dalla tassa regionale sul diritto allo studio, che è giunta a 140 euro annui in quasi tutti gli atenei.

Il Rapporto sulla condizione studentesca 2015 segnala anche il problema dei posti-alloggio destinati ai fuorisede e quello dei contributi per il trasporto. I posti nelle residenze sono solo 40mila in tutto il Paese, con una copertura di appena il 4 per cento della popolazione universitaria. Secondo il CNSU “Lo Stato, in collaborazione con le regioni, dovrebbe porsi l’obiettivo di aumentare il numero di alloggi convenzionati di almeno 100mila unità”, il numero mino per coprire le esigenze almeno di tutti gli idonei alla borsa di studio e degli studenti stranieri con reddito basso.

E, mentre si taglia sul diritto allo studio, aumentano le tasse, che – dice il Rapporto sulla condizione studentesca 2015 – sono cresciute del 63 per cento. Tutto ciò ha determinato un calo del 17 per cento delle iscrizioni nel corso degli ultimi dieci anni, con sempre più studenti meridionali che si spostano verso le università del Nord e un incremento dei giovani che fanno le valige per andare a studiare all’estero. E da oltreconfine non c’è un flusso tale di ingressi che possa compensare l’esodo dei nostri ragazzi: ogni 100 italiani che vanno a studiare all’estero, solo 85 stranieri (soprattutto spagnoli, francesi e tedeschi) si iscrivono nei nostri atenei.

(universita.it)

Ultime da UniversitÓ
Smartwatch: divieti nelle UniversitÓ
Il governo fa dietrofront sulla distinzione tra atenei
"Ribelli sempre", lo spot per le iscrizioni dell┤UniversitÓ di Palermo
In Campania nasce il Consorzio Interuniversitario per l┤Apprendimento Permanente
L┤ateneo di Udine lancia un video rap per promuovere le iscrizioni
Posti disponibili per il test d┤ammissione di veterinaria
7.802 i posti per il test d┤ammissione ad Architettura
Concorsi Pubblici 2015: oltre al voto conterÓ l┤ateneo frequentato
L┤UniversitÓ Federico II coordinatrice del progetto EMMA
Tutte le date dei test d┤ingresso

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS