Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

13/12/2017  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























UNIVERSIT└
UniCredit Ad Honorem

Pagare l┤universitÓ con un prestito


Molte banche offrono prestiti per dare la possibilitÓ agli studenti universitari di pagarsi gli studi. Un esempio Ŕ UniCredit ad Honorem, concesso da UniCredit a studenti di atenei partner della banca.
Redazione 12 Agosto 2014 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
(fonte foto: prestitiblog)
Frequentare l’università o un master di specializzazione post laurea. Una spesa sempre più difficile da sostenere per molte famiglie italiane alle prese con la crisi e la necessità di far quadrare i conti in tempi di spending review. Anche considerando che, stando ai dati Ocse, l’università italiana è tra le più care d’Europa, con le rette degli atenei pubblici che si aggirano in media attorno ai mille euro all’anno. Una cifra che, secondo alcune stime, può raggiungere anche i 7 mila euro aggiungendo libri, vitto e alloggio. Un aiuto per gli studenti arriva dal mondo del credito che propone prestiti a tassi contenuti (non più alti del 5 o 6% annuo) a sostegno della formazione. Ecco una panoramica delle principali offerte delle banche.
 
Come funzionano. Questi prestiti puntano a finanziare l’iscrizione a lauree triennali, specialistiche o anche a master. Oltre che le spese di acquisto del materiale necessario per lo studio, eventuali viaggi di studio e l’affitto di una casa per gli studenti fuori sede. Sul fronte delle condizioni, sono in genere più convenienti rispetto ai prestiti tradizionali. Con tassi di interesse non più alti del 5 o 6% annuale e importi che vanno dai mille fino ai 5 mila euro. Il rimborso del prestito avviene in genere in rate mensili, a partire dalla fine del percorso universitario. Alcune banche richiedono inoltre che lo studente sia in regola con gli esami o che abbia una certa media. In alcuni casi, poi, per poter ottenere il finanziamento è necessario aprire contestualmente un conto bancario presso l’istituto che ha concesso il prestito tramite cui pagare le rate. 
 
UniCredit propone ad esempio UniCredit Ad Honorem, prestito d’onore dedicato agli studenti per il finanziamento di corsi universitari presso atenei partner della banca (tra questi, Alma Graduate School, Mip - Politecnico di Milano, Università Bocconi di Milano e Università di Bologna). Il programma di finanziamento si articola in un periodo di fruizione per studiare e utilizzare il credito (della durata di uno-tre anni); una volta terminato il periodo di studi, è poi possibile decidere se richiedere il «periodo di grazia», ovvero un periodo di tempo, della durata massima di due anni, che è possibile far trascorrere prima di iniziare a rimborsare il prestito e durante il quale non matureranno gli interessi. Mentre il rimborso può avvenire in un arco temporale da uno a 15 anni.

Ultime da UniversitÓ
Smartwatch: divieti nelle UniversitÓ
Rapporto 2015 sulla condizione degli studenti
Il governo fa dietrofront sulla distinzione tra atenei
"Ribelli sempre", lo spot per le iscrizioni dell┤UniversitÓ di Palermo
In Campania nasce il Consorzio Interuniversitario per l┤Apprendimento Permanente
L┤ateneo di Udine lancia un video rap per promuovere le iscrizioni
Posti disponibili per il test d┤ammissione di veterinaria
7.802 i posti per il test d┤ammissione ad Architettura
Concorsi Pubblici 2015: oltre al voto conterÓ l┤ateneo frequentato
L┤UniversitÓ Federico II coordinatrice del progetto EMMA

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS