Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version française Versione italiana

23/4/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
Società
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
Università
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIETÀ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























POLITICA
Il Papa Francesco, via Twitter: "Mai più la guerra!"

Obama e la Siria, nelle mani del Congresso USA


Obama aspetta autorizzazione del Congreso per l´attacco alla Siria. Il Vaticano da un no deciso ed avverte: "si rischia guerra mondiale". Anche la Russia replica agli USA: "le prove mostrate non ci convincono".
Redazione 2 Settembre 2013 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
Il governo siriano ha chiesto al segretario generale delle Nazioni Unite di assumersi le proprie responsabilità nel prevenire l´aggressione internazionale contro il paese arabo e perseguire una soluzione politica della crisi, dopo che il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha annunciato i preparativi di un´operazione militare in Siria dopo aver accusato Damasco di perpetrare un attacco chimico a fine agosto.

Il rappresentante speciale della Siria all´Onu, Bashar Jaafari, ha chiesto al Consiglio di Sicurezza per mantenere il suo ruolo di valvola di sicurezza e di evitare l´uso assurdo della forza al di fuori del quadro di legittimità internazionale, come reso noto in lettere inviate sia il Segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki Moon, come il presidente di turno del Consiglio di Sicurezza, Maria Cristina Perceval.

Al Jaafari ha negato che il suo governo ha mai usato armi chimiche durante il conflitto contro le accuse mosse dagli Stati Uniti. E non è il solo a negare le accuse di questo paese: il ministro degli Esteri di Mosca, Serghei Lavrov, ha dichiarato che le prove fornite dagli Stati Uniti sull´uso di armi chimiche non convincono per niente alla Rusia: "Non ci sono né mappe geografiche né nomi né alcuna prova che che i campioni siano stati prelevati da professionisti", ha proseguito il ministro, "e neppure contenevano alcun commento sul fatto che molti esperti hanno messo in forte dubbio i video che girano su Internet".

"Russia e Cina sono esclusivamente per soluzioni diplomatiche" e sono "contrarie al ritorno al linguaggio degli ultimatum e alla rinuncia del negoziato", ha detto il capo della diplomazia russa in merito alla crisi siriana, ma ricordando anche altri dossier caldi come quelli iraniano e nordcoreano.

Il Vaticano è anche completamente contro l´attacco degli Stati Uniti. «Mai più la guerra! Mai più la guerra!», scriveva questa mattina il Papa Francesco, lanciando un nuovo tweet dal suo account Pontifex riferendosi alla difficile situazione in Siria. Ore dopo, il segretario del Pontificio Consiglio Giustizia e Pacem il vescovo salesiano Mario Toso, ha commentato alla Radio Vaticana l´appello del Papa perche´ sia evitato l´intervento militare. "Il conflitto in Siria contiene tutti gli ingredienti per esplodere in una guerra di dimensioni mondiali e, in ogni caso, nessuno uscirebbe indenne da un conflitto o da un´esperienza di violenza".

Ultime da Politica
Il Parlamento greco ha approvato il primo pacchetto di misure imposte dall´UE
Approvato al senato il maxiemendamento sulla riforma della scuola
Il senato approva il ddl che introduce il reato di omicidio stradale
Domenica 31 Maggio si voterà in 7 regioni
I rapporti tra Vaticano e Palestina
La buona scuola in un video
La Commissione Europea e la sfida della nuova Agenda Europea sull´Immigrazione.
La Camera ha approvato la nuova legge elettorale: arriva l´Italicum
Salta la candidatura di Nino Di Matteo alla Procura nazionale
Ue, no all´intesa Ungheria-Russia sul nucleare

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
Parità di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'università?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L´equazione dell´anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS