Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

20/5/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























CULTURA

Nel cuore di un gigante: le stelle neonate di NGC 2367


Una splendida veduta variopinta di un gruppo di stelle immerse nelle nubi di gas Ŕ stata catturata dalla camera WFIvall┤Osservatorio dell┤ESO di La Silla in Cile. Mostra un ammasso aperto giovane, chiamato NGC 2367, un raggruppamento di stelle neonate al centro di una struttura enorme e molto pi¨ antica ai margini della Via Lattea.
Redazione 2 Luglio 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
 Articoli simili
 I video di Italia e Egitto viste dallo spazio
 Il video dell┤Esa sulle dimensioni delle stelle
 Occhio della Medusa: la prima foto delle stelle neonate
 Questa splendida veduta variopinta di un gruppo di stelle immerse nelle nubi di gas è stata catturata dalla camera WFI (Wide Field Imager) montata sul telescopio da 2,2 metri dell’MPG/ESO all’Osservatorio dell’ESO di La Silla in Cile. Mostra un ammasso aperto giovane, chiamato NGC 2367, un raggruppamento di stelle neonate al centro di una struttura enorme e molto più antica ai margini della Via Lattea.
 
Scoperto dall’Inghilterra dall’instancabile osservatore Sir William Herschel il 20 novembre 1784, il luminoso ammasso stellare NGC 2367 si trova a circa 7000 anni luce dalla Terra nella costellazione del Cane Maggiore. Avendo solo cinque milioni di anni circa, la maggior parte delle sue stelle sono giovani e calde e risplendono di un intenso colore blu, in netto contrasto, come si vede in questa meravigliosa immagine, con la luce rossastra e vellutata dell’idrogeno gassoso che lo circonda.
 
Gli ammassi aperti come NGC 2367 sono comuni nelle galassie a spirale come la Via Lattea e tendono a formarsi nelle zone esterne delle galassie stesse. Nel loro viaggio intorno al centro galattico sono influenzate dall’effetto gravitazionale degli altri ammassi e delle grandi nubi di gas che incontrano. Poiché gli ammassi aperti sono tenuti insieme da un legame gravitazionale molto debole e poiché continuano a perdere massa a causa del gas spazzato via dalla radiazione delle giovani stelle calde, i disturbi gravitazionali sono così frequenti da far allontanare alcune delle stelle, così come si pensa sia accaduto al Sole molto tempo fa. SI pensa che un ammasso aperto duri alcune centinaia di milioni di anni prima di venir disperso completamente.
 
Nel frattempo, gli ammassi rappresentano ottimi casi per studiare l’evoluzione stellare. Tutte le stelle che li compongono sono nate più o meno nello stesso momento dalla stessa nube di materiale, e perciò possono essere confrontate le une con le altre con facilità, se ne può determinare l’età e mappare l’evoluzione più agevolmente.
 
Come molti altri ammassi aperti, NGC 2367 si trova all’interno di una nebulosa a emissione, da cui sono nate le stelle. I resti appaiono come nubi e sbuffi di idrogeno gassoso, ionizzato dalla radiazione ultravioletta emessa dalle stelle più calde. La cosa più insolita è che allontanandosi dall’ammasso e dalla sua nebulosa appare una struttura molto più ampia: NGC 2367 e la sua nebulosa sono il nucleo di una nebulosa più grande, nota come Brand 16, che a sua volta è solo una piccola parte di un “superguscio” enorme, che prende il nome di GS234-02.
 
Il superguscio GS234-02 si trova verso la periferia della nostra galassia, la Via Lattea: è una struttura vasta, di qualche centinaio di anni luce. La sua esistenza inizia quando un gruppo di stelle particolarmente massicce, che producono forti venti stellari, crea alcune sfere di gas caldo in espansione. Le bolle vicine si uniscono a formare una superbolla e la durata breve della vita delle stelle all’interno implica che sono esplose come supernove in tempi molto ravvicinati, facendo espandere ulteriormente la superbolla, finchè questa si unisce ad altre superbolle, fino a formare questo superguscio. La formazione finale è una delle strutture più grandi che si possano trovare in una galassia.
 
Questo sistema in espansione concentrica, antico ed enorme, rappresenta uno splendido esempio delle strutture intricate e interconnesse che vengono scolpite nelle galassie dalla vita e della morte delle stelle.

Ultime da Cultura
La casa sulla cascata di Frank Lloyd Wright
"UnivercittÓ Prize": un mese di eventi allo Steri di Palermo
Due monumenti celebrano la prima partita della storia dei mondiali di calcio
Il Friuli - Venezia Giulia a volo di drone
L┤UNESCO ha scelto 27 nuovi siti protetti
Expo, Padiglione Italia e Crui: il Vivaio della Ricerca
Scambio culturale estivo in Polonia
L┤intervista dell┤Esa a Samantha Cristoforetti
Workshop sulla collaborazione scientifica italo-egiziana presso il Museo Egizio di Torino
La Cina festeggia a Expo la sua giornata nazionale

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS