Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

24/7/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























CAPITALE UMANO
Allarme dell┤ Osce

Minacce e censure ai media indipendenti in Serbia


a fare notizia sono stati soprattutto gli attacchi informatici subiti dal portale di opposizione PeÜčanik sul quale era stato pubblicato un documento, firmato da un gruppo di studiosi, nel quale si affermava che la tesi di dottorato del ministro degli Interni serbo NebojÜa Stefanović in alcune parti fosse frutto di plagio.
Redazione 21 Giugno 2014 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
Libertà di stampa minacciata e censura da parte del governo serbo: negli scorsi giorni un incontro organizzato dal collettivo BlogOpen-Close a Belgrado ha portato all’ attenzione i seri problemi che attanagliano il mondo dell’ informazione del paese balcanico sul quale l’ Osce – Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, aveva già puntato l’attenzione nel novembre 2012 sottolineando come Belgrado non avesse fatto nessun progresso per la libertà dei media. 
 
A rilanciare l’allarme è stato Michael Davenport, capo della delegazione UE a Belgrado, il quale, intervenendo all’ incontro, ha sottolineato tre fenomeni negativi attualmente in atto in Serbia: l’autocensura dei media tradizionali, la rimozione dalla rete di siti sgraditi e l’ intimidazione attraverso procedimenti giudiziari. Procedimenti come quelli avviati nei confronti di tre persone accusate, secondo le autorità, di aver pubblicato su Facebook commenti atti a fomentare il panico durante la recente alluvione che ha messo in ginocchio il paese. Il fermo dei tre e la loro condanna a un mese di reclusione preventiva aveva immediatamente scatenato la reazione dell’ opinione pubblica e anche l’ Osce si è fatta sentire ottenendo il rilascio degli arrestati e scatenando l’ira del premier serbo Aleksandar Vučić che ha visto nella mossa dell’ organizzazione una “campagna sporchissima” nei suoi confronti.
 
Attacco informatico 
L’ attacco di Vučić si è concentrato contro la rappresentante dell’ Osce per la libertà dei media Dunja Mijatović: un successivo incontro tra i due avrebbe riappacificato gli animi e spinto la Commissione Europea a rilasciare un comunicato nel quale si specifica che verrà prestata “molta attenzione alle questioni legate alla libertà dei media e alla libertà di espressione nel processo dei negoziati per l’adesione all’UE”. 
Ma a fare notizia sono stati soprattutto gli attacchi informatici subiti dal portale di opposizione Peščanik sul quale era stato pubblicato un documento, firmato da un gruppo di studiosi, nel quale si affermava che la tesi di dottorato del ministro degli Interni serbo Nebojša Stefanović in alcune parti fosse frutto di plagio, coinvolgendo nella vicenda anche il rettore dell’Università privata Megatrend e relatore di tesi del ministro Stefanović, Mića Jovanović.
 
E mentre la vicenda della tesi copiata getta una pesante ombra sulla credibilità di una parte dei politici serbi ed evidenzia come i media indipendenti non godano di un’ ampia libertà di espressione, sulla piattaforma on-line Mediafreedom Ushahidi è possibile avere un’idea precisa dei numerosi atti di limitazione che il giornalismo serbo ha subito nell’ ultimo periodo. Una situazione che l’ Europa segue con attenzione anche in vista dell’ agognato iter di adesione serba all’Unione Europea.
 
Info via Lsdi.it

Ultime da Capitale umano
Scambio culturale in Georgia
La metro M5 arriverÓ fino a Monza
"Costruiamo il futuro", verso lo sciopero del 5 dicembre
La Commissione europea lancia un contest di scrittura
Nel 2013 pi¨ di 120 milioni di europei a rischio povertÓ o esclusione sociale
Premio EGO per le start-up pi¨ innovative
Expo premia le donne
Pulizie a domicilio, arriva Easyfeel
Crowdfunding: 3 false credenze e 3 consigli
Metti un Fablab nel deserto

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS