Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

1/4/2020  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























INTERVISTE

Marco Bardazzi: "Il giornalismo sarÓ multipiattaforma"

Marco Bardazzi

Le testate non potranno dipendere pi¨ solo dalla pubblicitÓ ma dovranno cercare forme di guadagno alternativo.
Redazione 14 Gennaio 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
 Articoli simili
 Varese capitale del giornalismo digitale
 Giornalismo: l┤eterna contraddizione fra monetizzazione e traffico
Giornalista, digital editor e caporedattore centrale alla Stampa, dopo un passato all´Ansa, Marco Bardazzi è uno dei giornalisti italiani più attenti alle nuove tendenze che guideranno l´informazione nel nostro Paese.

Qual è il futuro prossimo della professione giornalistica?


Il futuro del giornalismo per noi è già presente. Il lavoro sarà legato al contenuto a prescindere dal contenitore: non ci si dovrà più preoccupare della piattaforma attraverso la quale il contenuto viene fruito, ma si dovranno creare contenuti che sono adatti a tutte le piattaforme. L’integrazione tra carta e web, infatti, non è più un obiettivo, è qualcosa che si da già per acquisito. Ora è il momento di chiedersi cosa viene dopo. Viene un giornalismo multipiattaforma in cui chi racconta una storia deve saperla raccontare usando diversi mezzi. I due settori chiave del 2015 saranno i video e il mobile, non solo inteso come versione adattata dei siti, ma anche come app costruite ad hoc. Questo pone nuove sfide per i giornalisti, soprattutto per la vecchia guardia che deve acquisire competenze che vanno oltre quelle giornalistiche. Si può continuare all’infinito a fare battaglie per la difesa della tradizione, ma noi abbiamo bisogno di proporre ciò che ci sembra al pubblico possa piacere. Infine, è necessario che le redazioni cambino il loro metabolismo: se una volta la giornata lavorativa di un giornalista iniziava davvero solo nel pomeriggio, oggi noi registriamo il picco di visite al sito alle 9 di mattina. Non sarebbe professionale lasciare che questo accada mentre la redazione è deserta, perciò bisogna cambiare turni e organizzazione del lavoro.

Come la tecnologia influenzerà i contenuti e le modalità di lavoro nelle redazioni?

La tecnologia sta già influenzando l’organizzazione del lavoro dal punto di vista della contaminazione. I giornalisti devono abituarsi a lavorare a stretto contatto con figure professionali nuove all’interno delle redazioni: giornalisti, sviluppatori, grafici, designer e creativi di ogni genere devono lavorare insieme e le nuove leve devono portare con sé competenze tecnologiche oltre che giornalistiche.

Alla ricerca del Sacro Graal della sostenibilità: dai paywall al native advertising, quale via per salvare le testate?

Non c’è un modello di business chiaro e compatibile per tutti in questo momento, ma in futuro le testate dovranno cercare fonti di guadagno diversificate. Magari meno proficue, ma più numerose. Non ci si potrà più basare solo sulla pubblicità. Nel 2015 vedremo sempre di più proposte di contenuti a pagamento o sistemi a consumo a importo fisso che ricalcano i modelli dei fortunati Spotify e Netflix. I giornali continueranno a esserci, ma con minore foliazione e magari come strumento di approfondimento del secondo o terzo giorno. Tutto ciò che si identifica con una testata continuerà a rivestire una grande importanza e a rappresentare una garanzia soprattutto in un periodo in cui si fa fatica a distinguere tra i vari contenuti quali sono quelli di qualità.

Fonte: Magzine.it

Ultime da Interviste
Il futuro dei droni, intervista a Roberto Alfieri
Mafia capitale e il rapporto tra politica e sistema criminale
Vincenzo Trione parla della collaborazione tra IULM e Biennale di Venezia
Stefania Pellegrini parla di territorio e mafia al nord
(S)vantaggi di essere uomini o donne nel giornalismo
Alessandra Bordoni, ricercatrice Unibo, parla del suo progetto sulla corretta alimentazione
Matteo Calvaresi, nanoparticelle per combattere l┤inquinamento atmosferico.
Arianna Ciccone intervista Enrico Mentana e Marco Damilano
Intervista a Susi Pelotti: prevenire la violenza sulle persone fragili
Intervista ad Alberto Regattieri

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS