Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

22/4/2021  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























LE AZIENDE ED I CSR
Nuovo modello di occhiali tecnologici

Luxottica sfida i Google Glass

fonte: Formiche.net

Il prodotto, frutto della collaborazione con Intel verrÓ lanciato nel corso del 2015.
Redazione 5 Dicembre 2014 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
Forse Google ha un nuovo concorrente in vitro per i suoi Glass. Peraltro quasi «in casa». Luxottica, che già con l’ex top manager Andrea Guerra aveva stretto un’intesa con la società di Mountain View per lavorare sullo sviluppo dei Google Glass, ha firmato un accordo pluriennale con Intel. Per ora si parla di «Ricerca e Sviluppo finalizzata a coniugare la cosiddetta tecnologia intelligente con prodotti quali occhiali di fascia alta, di lusso e sportivi». Insomma, non c’è un prodotto e potrebbe volerci tempo per sviluppare un campione della cosiddetta wearable technology, la tecnologia che si indossa, firmato anche Made in Italy . Il connubio - sulla carta - potrebbe funzionare visto che per ora questa fascia di prodotti, pur essendo percepita come molto trendy, ha oggettivamente lasciato a desiderare in termini di estetica ed effettiva indossabilità (il prototipo dei Google Glass non è sostenibile per una giornata tipo fuori di casa o dall’ufficio tanto che molte applicazioni sperimentali puntano a un loro utilizzo «tecnico» come negli ospedali). Non è un caso se il nuovo chief executive officer di Luxottica, Massimo Vian, ha stressato proprio questo concetto: «Guideremo questo nuovo segmento con lo sviluppo di montature intelligenti e funzionali, oltre che belle. Prodotti che i consumatori ameranno indossare».

Intel peraltro aveva già sviluppato un microprocessore miniaturizzato che potrebbe stare comodamente in un paio di occhiali. Ma la piattaforma Edison ha bisogno ancora di essere scalata per offrire un’esperienza soddisfacente. Il tema della wearable technology è infatti legato a doppia mandata allo sviluppo di app compatibili, senza le quali questi oggetti rischiano di essere delle tv senza canali. L’obiettivo Luxottica-Intel è comunque dichiarato: «Supportare la progettazione di prodotti di tendenza, smart e al tempo stesso funzionali e appetibili per i consumatori. Il primo prodotto frutto della collaborazione tra Luxottica e Intel verrà lanciato nel corso del 2015». «Lo sviluppo delle tecnologie indossabili sta catalizzando l’interesse di chi investe in innovazione», ha dichiarato Brian Krzanich, chief executive officer di Intel. Sicuramente la firma con un produttore di peso mondiale come Luxottica - che peraltro controlla la nota marca Usa di occhiali da sport Oakley - può funzionare da volano. Anche se, come ha dimostrato la parabola di interesse che ha caratterizzato i Google Glass stessi, bisognerà attendere la prova del fuoco del prodotto per vedere cosa uscirà dall’uovo dell’innovazione. Certo, resta da capire come i due progetti, quello con Google e quello con intel, possano convivere in Luxottiva visto che i risultati sarebbero concorrenti sul mercato.

Fonte: Corriere.it

Ultime da Le aziende ed i CSR
Fca, 600 milioni dalla Bei per gli stabilimenti italiani
Eni aspetta la fine dell┤embargo su Teheran
L┤UniversitÓ di Milano tra le nuove mete Fullbright
Intesa Sanpaolo crea una piattaforma per start up
Accordo rinnovato fra Politecnico di Milano e Pirelli
Mediaset e Sky lottano per i diritti televisivi
Mediaset porta le start up in televisione
Fca, corsi universitari pagati per i dipendenti negli States
Eni, al via la produzione nel giacimento di Cinguvu
Autogrill si consolida in America

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS