Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

23/4/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























POLITICA
Continui rimproveri

L┤Italia: figlia monella dell┤Europa


Tra i punti critici sottolineati da Bruxelles: scarsa competitivitÓ e riforme insufficienti per tagliare il debito pubblico ormai fuori controllo. Per questo la Commissione farÓ un controllo mirato sulle politiche da mettere in atto durante il semestre europeo. La risposta del Tesoro: "Riforme del governo in linea con l┤Europa"
Redazione 5 Marzo 2014 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
 Notizie correlate
 Pubblica amministrazione. La nostra Ŕ la meno efficiente d┤Europa
 Ritardi nei pagamenti, l┤Italia messa in mora dall┤UE
Il giudizio della Commissione europea non lascia spazio a fraintendimenti: l’Italia ha “squilibri macroeconomici eccessivi” e per questo dovrà essere sottoposta a uno “speciale monitoraggio” da parte dell’Unione europea che farà rapporto all’Eurogruppo sulle riforme italiane e, a giugno, “deciderà ulteriori passi”, come scrive la stessa Commissione. Che avverte: nonostante gli sforzi per raggiungere l’obiettivo di medio termine dei conti pubblici, “l’aggiustamento strutturale per il 2014 appare insufficiente”, soprattutto alla luce della “necessità di ridurre il debito a un passo adeguato”. Tra i punti critici che soffocano il Paese, Bruxelles sottolinea il debito pubblico fuori controllo, in pancia soprattutto alle banche, e la scarsa competitività.

Per questo, dopo l’analisi sullo stato di salute dei conti di 17 Paesi, la Commissione Ue ha retrocesso l’Italia in quella fascia di Stati che hanno superato la soglia di pericolo e registrano squilibri ”eccessivi”. Solo Croazia e Slovenia fanno compagnia al nostro Paese. Mentre gli altri 14 “sorvegliati”, nonostante registrino difficoltà, non vengono considerati a rischio. Tra questi ultimi: Belgio, Bulgaria, Germania, Irlanda, Spagna, Francia, Croazia, Italia, Ungheria, Paesi Bassi, Slovenia, Finlandia, Svezia e Regno Unito. “L’Italia deve affrontare il livello molto alto del debitoe la debole competitività esterna, entrambi radicati nella protratta lenta crescita della produttività e che richiedono politiche urgenti”, scrive la Commissione secondo cui “la necessità di azione decisiva per ridurre il rischio di effetti avversi sul funzionamento dell’economia italiana e della zona euro è particolarmente importante data la dimensione dell’economia italiana”.

In particolare, prosegue l’analisi, “il debito elevato mette un grande peso sull’economia, in particolare nel contesto di cronica crescita debole e inflazione sommessa”. Resta inoltre “una sfida raggiungere e mantenere un avanzo primario molto alto – sopra la media storica – e una robusta crescita del Pil per un periodo prolungato, entrambi però necessari a mettere il debito su un percorso discendente. Nel 2013 – conclude la Commissione – l’Italia ha fatto progressi verso il raggiungimento dell’obiettivo di medio termine (Mto), ma ciononostante l’aggiustamento strutturale per il 2014 appare insufficiente vista la necessità di ridurre il debito ad un passo consistente”. Visti questi squilibri, “la Commissione compirà un monitoraggio specifico delle politiche raccomandate all’Italia dal Consiglio nell’ambito del semestre europeo (l’esercizio di controllo dei bilanci nato dal rafforzamento della governance della zona euro, ndr) e farà regolari rapporti all’Eurogruppo e al Consiglio”.

Non si è fatta attendere la reazione del Tesoro. “Le riforme previste sono in linea con l’ambizioso piano richiesto dall’Unione europea”, assicura il ministero dell’Economia, sottolineando che “l’andamento del debito pubblico in relazione al Pil deriva prevalentemente dal denominatore del rapporto, cioè dalla crescita modesta degli anni precedenti la crisi e dalla profonda recessione“. L’esecutivo afferma quindi che è il momento di “dare una svolta” e che “la competitività dell’economia italiana è oggi limitata dall’elevato cuneo fiscale sul costo del lavoro, un problema che il governo si accinge ad affrontare con determinazione”. Ma il nodo è sempre lo stesso: dove recuperare i soldi necessari per tagliare le tasse e il debito? Con l’allarme Ue torna quindi lo spettro di una patrimoniale con cui il governo potrebbe mettere mano ai risparmi degli italiani, così come consigliano la Budesbank e l’Fmi.

La radiografia Ue che fotografa la situazione allarmante dei conti italiani arriva a un anno di distanza dall’ultima analisi della Commissione europea. Già nell’aprile del 2013, infatti, Bruxelles avvertiva che “l’elevato debito resta un grave problema dell’Italia, che è sempre vulnerabile ai repentini cambiamenti dei mercati e permane quindi il rischio di contagio al resto della zona euro, se si dovesse intensificare nuovamente la pressione sul debito italiano”. Parole identiche a quelle pronunciate ora da Bruxelles, che sembrano rimaste inascoltate.

L’analisi della Commissione europea arriva inoltre a pochi giorni di distanza dai dati Istat che hanno fatto luce sull’ultima impennata record del rapporto tra debito e Pil, che nel 2013 ha raggiunto il 132,6%, toccando il livello più alto dal 1990, anno di inizio delle serie storiche confrontabili.


Informazione via Il fatto quotidiano


Ultime da Politica
Il Parlamento greco ha approvato il primo pacchetto di misure imposte dall┤UE
Approvato al senato il maxiemendamento sulla riforma della scuola
Il senato approva il ddl che introduce il reato di omicidio stradale
Domenica 31 Maggio si voterÓ in 7 regioni
I rapporti tra Vaticano e Palestina
La buona scuola in un video
La Commissione Europea e la sfida della nuova Agenda Europea sull┤Immigrazione.
La Camera ha approvato la nuova legge elettorale: arriva l┤Italicum
Salta la candidatura di Nino Di Matteo alla Procura nazionale
Ue, no all┤intesa Ungheria-Russia sul nucleare

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS