Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

19/2/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























POLITICHE DI INCLUSIONE
Decisione della Corte europea di Giustizia

L┤Europa ferma il turismo del welfare


Un cittadino inattivo non potrÓ chiedere assistenza sociale in un altro Paese dell┤Unione.
Redazione 13 Novembre 2014 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
europa
La Corte europea di Giustizia, che ha sede in Lussemburgo, ha preso posizione oggi su un ricorso di un tribunale tedesco, affermando in una attesa sentenza che un cittadino dell┤Unione economicamente inattivo non può chiedere di beneficiare di aiuti sociali in un paese dell┤Unione nel quale risiede. La decisione giunge mentre alcuni paesi, tra cui la Gran Bretagna, vogliono mettere un freno alla libera circolazione delle persone in un contesto di incertezza economica e fragilità politica.

Due persone di nazionalità rumena, madre e figlio, si sono viste negare le prestazioni assicurative di base dal Jobcenter Leipzig e hanno fatto ricorso dinanzi a un tribunale locale. Alle autorità tedesche, la madre risulta non avere una occupazione, non cercare lavoro e non possedere particolari qualifiche professionali. Il tribunale sociale di Lipsia si è quindi rivolto alla Corte europea che ha preso una decisione sulla base della direttiva denominata “Cittadino dell┤Unione”.

Nella sentenza, la Corte ricorda che durante i primi cinque anni del soggiorno all┤estero la direttiva stabilisce una serie di regole. Il paese ospitante deve garantire prestazioni sociali di carattere non contributivo «a condizione che le persone economicamente inattive dispongano di risorse proprie sufficienti». Precisa il tribunale: «Si intende in tal modo impedire che cittadini (…) economicamente inattivi utilizzino il sistema di protezione sociale dello Stato ospitante per finanziare il proprio sostentamento».

Elisabeta Dano e il figlio Florin abitano in Germania dal novembre 2010, quindi da meno di cinque anni. «La Corte statuisce che la signora Dano e suo figlio non dispongono di risorse sufficienti e non possono pertanto rivendicare il diritto di soggiorno in Germania in forza della direttiva Cittadino dell┤Unione», si legge nel comunicato pubblicato stamani a Lussemburgo. Il tribunale precisa che una decisione nel merito spetta però al tribunale nazionale.

La presa di posizione giunge mentre molti paesi vogliono limitare in un modo o nell┤altro la libera circolazione delle persone. La Germania ha deciso di limitare l┤accesso degli stranieri, anche europei, al suo sistema di welfare, mentre addirittura il premier della Gran Bretagna, David Cameron, si è detto pronto a limitare il numero di ingressi nel paese, provocando la viva reazione di molti vicini. In questo senso, la sentenza di oggi ha un peso giurisprudenziale e un significato politico evidenti.

Ultime da Politiche di inclusione
Venezia ospita Fieritals, l┤editoria dell┤italiano a stranieri
Sve di 9 mesi in Georgia
Uno sguardo alle principali minoranze europee
La Commissione Europea cerca una risposta efficace per l┤immigrazione
Green economy, la classifica italiana
Regno Unito: italiani? No, grazie
UniCredit Carta E, un bando per finanziare i giovani
Parte oggi OrientaSud, il Salone delle opportunitÓ per i giovani del Sud Italia
Quarta Convenzione annuale della Piattaforma europea contro la povertÓ e l┤esclusione sociale
Uguaglianza di genere: le sfide del Parlamento Europeo

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS