Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

1/4/2020  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























INTERVISTE

Italo Tononi, i pregiudizi sui videogames


Tononi, docente dell┤UniversitÓ di Urbino, sottolinea il valore dell┤apprendimento attraverso il gioco: anche in etÓ adulta, infatti, i viedogames possono essere utili per lo sviluppo di capacitÓ come il multitasking. Secondo Tononi Ŕ necessario superare il classico stereotipo del videogame violento.
Redazione 4 Febbraio 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
fonte: telegraph.co.uk

Cos´è un videogioco: divertimento, apprendimento o... molto di più?
E´ ormai un fattore quasi unanimemente riconosciuto dagli educatori: anche il videogame può essere un medium per l´insegnamento/apprendimento: ne sono esempio le recenti produzioni di software didattici che sono strutturati e organizzati come veri e propri giochi elettronici utilizzati anche per il trattamento della disabilità. Non faccio riferimento a singoli prodotti, che conosco troppo bene e di cui pubblicizzerei indirettamente la buona qualità,  rinvio comunque a un website istituzionale come quello del Cnr di Genova per ogni utile riferimento. In definitiva, per rispondere alla domanda, il plusvalore dei videogame va individuato proprio nella loro dimensione dell´apprendere attraverso il gioco, che è l´aspetto più motivante per conoscere la realtà. Fin da piccoli impariamo la maggior parte delle regole che garantiscono il nostro essere nella società attraverso il gioco imitativo, simulato e così via. 

Come nasce un videogioco? Quali caratteristiche deve possedere per essere un formatore efficace?
Chi lo pensa è un art creator di una software house specializzata: ci sono naturalmente dietro le solite analisi di mercato, ma il problema è semmai quello delle caratteristiche salienti che deve possedere, che a mio avviso - e riprendo alcune annotazioni di Franco Bettetini, Docente di Tecnica delle Comunicazioni di Massa all’Università Cattolica di Milano - sono racchiuse in questi cinque elementi: reattività, esplorazione, autoregolazione continua, motivazione, sfida. 

In quali ambiti tradizionali il videogioco viene attualmente usato come strumento di formazione?
Sembrerà strano, ma ultimamente la logica dell´edutainment - apprendere giocando - è entrata anche in segmenti della nostra vita un tempo impermeabili a certe "indebite intrusioni" come quello della sfera religiosa. 

Il videogioco può anche educare?
Certamente, ai buoni sentimenti, a buone pratiche;  ci sono dei videogame che propongono messaggi di solidarietà,  altri  che vengono utilizzati per l´educazione stradale, interculturale, alla sicurezza: ormai interi settori formativi sono gestiti attraverso i VG (videogiochi, n.d.r.), compreso quello strategico militare.  

Quale importanza rivestono i videogiochi nello sviluppo della tecnologia?
Gli aspetti in comune con lo sviluppo tecnologico sono essenzialmente due : quello della simulazione, che rappresenta l´elemento più significativo del rapporto tra realtà e videogame, e l´evoluzione dell´interfaccia grafica, che contribuisce a creare un´atmosfera sempre più immersiva con il fruitore. A questi si aggiunga la dimensione sociale che Internet e il team-game  - gioco di gruppo - hanno contribuito a diffondere, per cui oggi  migliaia di videogiocatori  in gruppo utilizzano la rete delle reti per il loro loisir  (tempo libero, n.d.r.). 

Come possono influenzare i videogiochi il nostro rapporto con le nuove tecnologie?
Lo possono sicuramente facilitare attraverso situazioni come il multitasking cioè la possibilità di un singolo soggetto di gestire contemporaneamente più situazioni multimediali informative e comunicative. 

I videogiochi interessano un pubblico sempre più vasto e composto anche da adulti, eppure vengono percepiti e descritti dai media in modo ambivalente e stereotipato: da una parte divertimento coinvolgente e popolare, dall´altra forma di intrattenimento ripetitivo che frena la creatività dell´individuo e favorisce l´isolamento e i comportamenti violenti; perché è questa l´immagine corrente del videogioco?
A monte c´è lo stereotipo del "sottoprodotto" di banco che culturalmente ha condizionato la nostra precomprensione e i nostri preconcetti riassunti nel luogo comune: videogame uguale violenza, rispetto ad esempio ai cugini maggiori  "buoni" della famiglia dei software didattici. Nella pratica le continue contaminazioni tra i due generi hanno prodotto un mix con caratteristiche di portabilità interessanti che rappresentano la nuova sfida per il prossimo futuro. 

Come pensa si dovrebbe agire per smontare i luoghi comuni?
Le situazioni pratiche e il vissuto scolastico – ad esempio il Divertinglese - ci daranno sicuramente ragione, considerato che di questo problema si stanno occupando anche settori avanzati della ricerca universitaria, come ad esempio Ludocemea: l´ostracismo di certi apocalittici sarà bandito, non si può buttar via "l´acqua sporca con il bambino". 

Quali ritiene saranno le applicazioni future dei videogiochi?
E´ un po´ presto per dirlo considerato che prima ci dobbiamo scrollare di dosso certi pregiudizi. E´ certo che, considerate le premesse a cui ho fatto cenno, il loro perimetro sarà sempre più pervasivo della nostra vita privata e per questo motivo dobbiamo essere capaci di gestire questa nuova complessità sforzandoci di capire le dinamiche sottese a questo nuovo e sempre più diffuso prodotto della cultura contemporanea.

(tecnoteca.it)


Ultime da Interviste
Il futuro dei droni, intervista a Roberto Alfieri
Mafia capitale e il rapporto tra politica e sistema criminale
Vincenzo Trione parla della collaborazione tra IULM e Biennale di Venezia
Stefania Pellegrini parla di territorio e mafia al nord
(S)vantaggi di essere uomini o donne nel giornalismo
Alessandra Bordoni, ricercatrice Unibo, parla del suo progetto sulla corretta alimentazione
Matteo Calvaresi, nanoparticelle per combattere l┤inquinamento atmosferico.
Arianna Ciccone intervista Enrico Mentana e Marco Damilano
Intervista a Susi Pelotti: prevenire la violenza sulle persone fragili
Intervista ad Alberto Regattieri

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS