Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

21/11/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























INTERVISTE
5 per mille Unibo

Intervista ad Alberto Regattieri


Migliorare le condizioni di vita nei campi umanitari, con soluzioni energetiche sostenibili e il riutilizzo del packaging per una nuova logistica degli aiuti umanitari. ╚ il lavoro di un gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria industriale, realizzato in collaborazione con l┤Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati.
Redazione 6 Maggio 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
fonte: magazine.unibo.it
Professore, come è nata l’idea di partecipare a questo progetto e quindi di coniugare la sostenibilità ambientale con la gestione delle emergenze umanitarie?
Il progetto è nato dalla consapevolezza che i metodi e gli approcci che nell´ambito delle nostre ricerche normalmente sviluppiamo in contesti industriali, possano dare un contributo alla soluzione di problemi molto significativi nell´ambito del supporto umanitario, come ad esempio quello della generazione efficiente e sostenibile dell´energia elettrica, della gestione dei rifiuti prodotti dalle popolazioni colpite da crisi (da imballaggio e organici), e della produzione di acqua potabile e/o sufficientemente pura per usi sanitari. Negli ultimi anni, fortunatamente, è notevolmente cresciuta la sensibilità dell´opinione pubblica nei confronti delle popolazioni affette da crisi umanitarie, sia per quel che riguarda l´offerta di un aiuto immediato per la sopravvivenza, sia nel senso di dar loro la prospettiva di un futuro sostenibile. Il nostro progetto, sviluppato in collaborazione con importanti organizzazioni umanitarie internazionali, si inquadra soprattutto in questo secondo filone.

Quali i contributi che un ateneo multidisciplinare come il nostro può fornire ad un progetto internazionale di questo tipo?
In generale ogni attività, ogni realtà del mondo odierno, può essere assimilata ad un sistema complesso. Anche il mondo del supporto umanitario non sfugge a questa regola. E il modo più efficiente per poter gestire al meglio i sistemi complessi è quello di affrontarli con un approccio sistemico integrando varie competenze e mettendole al servizio del risultato complessivo ottimale, a volte sacrificando risultati locali ottimi. In concreto, in questo progetto la nostra Università è stata in grado di costruire un approccio integrato fondendo competenze tipicamente tecniche (di progettazione impiantistica), con competenze tecnologiche (legate per esempio alla produzione di biogas e di acqua) e di carattere economico-gestionale. Questo approccio si sta dimostrando vincente, i prototipi sviluppati hanno dato ottimi risultati nei nostri laboratori e saranno a breve sperimentati nella realtà operativa dei campi umanitari.

Cosa significa per voi (ricercatori, dottori di ricerca, studenti) trovare applicazione dei vostri studi in un ambito cosi concreto e necessario?
In generale, la connessione delle nostre ricerche con le applicazioni reali è sempre molto forte, e questo è fondamentale, perché ci consente da un lato di orientare gli studi e le attività nella direzione di offrire soluzioni applicabili ai reali problemi che emergono, e dall´altro perché ci permette di orientare correttamente la didattica che eroghiamo ai nostri studenti. In definitiva è un modo per contribuire ad assolvere ad uno dei compiti primari dell´istruzione universitaria pubblica: il sussidio al tessuto industriale almeno per quanto riguarda la preparazione delle conoscenze. In particolare in questo nostro progetto si aggiunge anche la possibilità di sperimentare nuovi metodi ed approcci per il riutilizzo dei materiali, per la produzione di acqua ed energia elettrica e per la gestione dei rifiuti, in un ambito estremamente severo come quello umanitario, che ha caratteristiche davvero peculiari, come ad esempio la necessità di coniugare l´efficacia delle soluzioni (ed il grado di complessità tecnologica utilizzato) con la scarsissima disponibilità di materie prime, mezzi e conoscenze delle persone che poi le dovranno gestire ed utilizzare.

Qual è secondo lei il ruolo della ricerca nella nostra società?
Il fatto che nella società moderna la ricerca abbia un ruolo determinante per garantire lo sviluppo sociale ed economico del nostro pianeta è un mantra che sentiamo e leggiamo molto frequentemente. Peraltro, dati alla mano, possiamo osservare che soprattutto in Italia questa consapevolezza non ha ancora dispiegato completamente le proprie ricadute positive. In senso lato la ricerca, sia di base sia applicata, sia pubblica sia privata, attraverso l´incremento del livello di conoscenza, può e deve consentire il miglioramento continuo delle condizioni di vita individuale e sociale delle popolazioni, tentando di porre rimedio ai continui problemi che la complessità della vita odierna fa emergere. Questo ragionamento apparentemente concentrato su grandi temi (come ad esempio lo sfruttamento delle risorse del pianeta, il trattamento di malattie gravi, etc.), se ci riflettiamo ha, in realtà, da sempre condizionato in maniera determinante ogni nostro gesto quotidiano.

Come possono i cittadini partecipare?
La ricerca scientifica ha bisogno di sostegno sociale e politico e di aiuti di carattere economico. È assolutamente necessario che nell´opinione pubblica cresca la considerazione del ruolo fondamentale che riveste per il futuro sostenibile del pianeta. Ogni occasione che porta in questa direzione rappresenta un piccolo passo avanti, così come un piccolo ed indolore passo avanti può essere la donazione del 5 per mille all´Università di Bologna alla quale va riconosciuta, tra le altre, grande focalizzazione alla ricerca scientifica.

(magazine.unibo.it)

Ultime da Interviste
Il futuro dei droni, intervista a Roberto Alfieri
Mafia capitale e il rapporto tra politica e sistema criminale
Vincenzo Trione parla della collaborazione tra IULM e Biennale di Venezia
Stefania Pellegrini parla di territorio e mafia al nord
(S)vantaggi di essere uomini o donne nel giornalismo
Alessandra Bordoni, ricercatrice Unibo, parla del suo progetto sulla corretta alimentazione
Matteo Calvaresi, nanoparticelle per combattere l┤inquinamento atmosferico.
Arianna Ciccone intervista Enrico Mentana e Marco Damilano
Intervista a Susi Pelotti: prevenire la violenza sulle persone fragili
Gazebo intervista il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS