Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

13/12/2017  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























TENDENZE
Dichiarazione dei diritti di internet

Il prof. RodotÓ parla dei diritti di internet


Finite le consultazioni popolari, ora Ŕ giunto il momento di trovare una sintesi tra concetti ed opinioni per la definitiva redazione della Dichiarazione dei diritti di internet. Si tratta solo dell┤inizio, il tema diventerÓ sempre pi¨ centrale all┤interno dei dibattiti.
Francesco Vergendo 21 Aprile 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
fonte: camera.it
 Articoli simili
 Dichiarazione per i diritti di internet, Italia pu˛ essere l┤avanguardia

Dopo la fine delle consultazioni popolari, il prof. Stefano Rodotà (presidente della commissione) ha spiegato, in sintesi, i principi che guidano la redazione della Dichiarazione dei Diritti di Internet.


Nel periodo storico in cui stiamo vivendo, internet è assoluto protagonista. Ad una crescita delle opportunità (sia lavorative che di visibilità), corrisponde altrettanta voglia di controllare lo strumento di veicolazione delle informazioni. Dopo anni di dibattiti e discussioni, Francia ed Italia hanno effettutato un passo in più, la Dichiarazione è discussa da una Commissione parlamentare formata da una composizione mista tra parlamentari ed esperti di settore.

Ormai esistono parecchie codificazioni di diritti fondamentali, in ambito europeo non possiamo dimenticare la Convenzione europea dei diritti dell´uomo. Dati per acquisiti questo tipo di diritti, i lavori si sono concentrati sulle tematiche più specifiche all´argomento.

Alcuni esempi:

Net neutrality: principio giuridico nato nella metà dell´ottocento con lo sviluppo del telegrafo. In questo caso riguarda la posizione dei provider del servizio internet. Tutti i contenuti devono essere trattati equamente, senza imposizioni e senza restrizioni arbitrarie. Le restrizioni possono riguardare più fattori, ad esempio: velocità diverse, costi aggiuntivi e disponibilità di traffico.

Diritto all´accesso: su questo tipo di diritto, la discussione contemporanea riguarda la possibilità di inserirlo tra i diritti umani fondamentali di ultima generazione, trasformandola così in una norma di tipo costituzionale. Il primo paese al mondo ad aver compiuto questo tipo di riconoscimento è stata la Finlandia, nel 2010.

Diritto all´oblio: i motori di ricerca devono omettere, su richiesta, i risultati considerati non più rilevanti, è possibile cioè richiederne la deindicizzazione. Questo diritto è stato riconosciuto dalla Corte di giustizia dell´Unione Europea. Si ricorda soprattutto il famoso caso che ha visto protagonisti Mario Costeja Gonzalez e Google Spagna, riguardante la notizia della messa all’asta per motivi di necessità economica della sua casa 16 anni prima. La Corte ha deciso che è facoltà della persona richiedere la rimozione delle informazioni considerate “non adatte, irrilevanti o non più rilevanti”.

La questione più controversa riguarda invece il diritto d´autore. La Commissione ha preferito non prendere posizione in attesa di ulteriori sviluppi sulla questione, probabilmente i tempi non sono ancora maturi per una sua collocazione. La discussione è tra coloro i quali sostengono l´appartenenza del diritto d´autore alla categoria dei diritti umani, da un punto di vista economico-proprietario, e coloro i quali invece ne vedono principalmente lo scopo sociale di trasmissione della cultura.

I nodi da sciogliere sono ancora parecchi, soprattutto a causa della novità di molti concetti. Posizioni di base differenti avranno bisogno di tempo, per trovare degli accordi su un terreno comune. Le prime codificazioni dei diritti, potrebbero contribuire ad alimentare un dibattito di cui sentiremo sempre più spesso parlare.

 


Ultime da Tendenze
Project AMP: entro fine febbraio 2016 in tutti i dispositivi mobile
Youtube: i pi¨ visti dell┤anno
Rilasciato il nuovo trailer di "Steve Jobs"
Accordo sul traffico roaming, dal 2017 basta costi aggiuntivi
Google lancia Play Music gratuito
La scienza in Game of Thrones
Accordo tra Amazon e Marvel per ampliare l┤offerta di fumetti
Youtube ha rilasciato il primo video nella nuova risoluzione 8K
Gazebo live da Perugia
Eurovision Song Contest: trionfa la Svezia

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS