Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

24/6/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























ECONOMIA
Dopo i risultati di Bce e Eba

Il piano di Monte dei Paschi per il riassetto


Prevista la copertura integrale del deficit attraverso un aumento di capitale.
Redazione 4 Novembre 2014 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
A una settimana dai risultati del comprehensive assessment della Bce e dell´Eba che hanno imposto una ricapitalizzazione per 2,1 miliardi, il Monte dei Paschi si avvia a definire il suo piano, che mercoledì sarà sottoposto al cda della banca.

Lo ha comunicato la banca, confermando le anticipazioni del Sole 24 Ore: «Attualmente le misure ipotizzate prevedono la copertura integrale del deficit attraverso un aumento di capitale – recita la nota del gruppo -, mentre non è allo studio l´esercizio della facoltà di conversione anticipata dei c.d. Nuovi Strumenti Finanziari (i Monti bond, ndr) in azioni ordinarie ovvero qualsiasi altra ipotesi che veda il Ministero dell´Economia e delle Finanze intervenire nella forma di nuovi aiuti di Stato, come dichiarato più volte dallo stesso Ministero».

Non solo. «Il progetto di Capital Plan contiene altresì ulteriori misure non diluitive e non onerose per la Banca, tra cui la cessione di asset finanziari, volte a rafforzarne ulteriormente il profilo patrimoniale, la cui solidità è peraltro già stata attestata dall´ampio superamento dell´aqr», sottolinea ancora la banca.

La comunicazione è giunta a 12 ore dalla riapertura dei mercati, nella speranza che le notizie sul piano di autosalvataggio possano finalmente arginare il tracollo del titolo, che in una settimana ha perso il 40%, bruciando oltre 2 miliardi nello spazio di appena cinque sedute. Accantonata, almeno in questa prima fase, l´ipotesi di un matrimonio con un gruppo dalle spalle più larghe (i contatti sono in corso, ma i tempi sono lunghi), il consigliere delegato Fabrizio Viola e il presidente Alessandro Profumo stato chiudendo dunque con gli advisor Citigroup e Ubs su un nuovo maxi aumento da 2,1 miliardi: in settimana si sono condotti colloqui con le banche d´affari destinate a comporre il consorzio di garanzia (in sostanza quelle che hanno assistito Mps nell´ultimo aumento, quindi Ubs e Citi, ma anche Mediobanca, Goldman Sachs, Morgan Stanley, Barclays, BofA Merrill Lynch), ma anche con gli investitori che potrebbero aderire all´aumento.

Saranno per lo più fondi esteri, soggetti analoghi a quelli entrati nel capitale del Monte nella prima parte di quest´anno, prima acquistando parte della quota della Fondazione Mps e poi sottoscrivendo l´aumento di capitale da 5 miliardi. Ora come allora, sia Profumo che Viola hanno da proporre l´investimento in una banca dai multipli decisamente sotto media finita sotto la scure delle autorità europee ma alle prese con un rafforzamento che comunque vale appena l´1,1% dei suoi attivi, come ricordato venerdì direttamente dal governatore della Banca d´Italia, Ignazio Visco. Probabile anche la partecipazione di Fondazione Mps, che oggi ha in mano il 2,5 per cento e dispone dei 52,5 milioni necessari per aderire pro-quota, e anche i due compagni di patto Fintech e Btg dovrebbero seguirla: la decisione, tuttavia, non è né presa né scontata, e comunque dettata solo dalla necessità di difendere l´investimento effettuato nell´aumento di giugno, già perso per oltre il 50 per cento.

Dopo altre 48 ore di lavoro, dunque, il piano arriverà al board mercoledì. In modo da «pubblicarne il contenuto in anticipo rispetto al termine ultimo del 10 novembre previsto dalla Bce», sottolinea la banca.

fonte: IlSole24Ore.it


Ultime da Economia
Kickstarter sarÓ disponibile anche per l┤Italia
Nuove start up per valorizzare il turismo in area adriatica
L┤Unione Europea indaga Amazon per abusi nel mercato editoriale
Italian Master Start up, vince un┤app del Politecnico
Istituita una pagina web nazionale per i finanziamenti alle start up
Edison premia le migliori start up alla all┤Innovation Week
Una start up per catalogare le start up
La ricerca salvaguarda il made in Italy
Il Parma calcio andrÓ all┤asta
Expo, gli eventi della Commissione Europea

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS