Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

20/3/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























RICERCA E SVILUPPO
Sei proposte

Il Cnr si interroga sul rapporto tra politica e scienza


Quali strumenti concreti potrebbero favorire l┤uso dei risultati scientifici da parte di chi prende decisioni politiche? ╚ un problema che si pone con urgenza in un┤Europa che si presenta come ┤knowledge-based society┤, in cui le leggi dovrebbero basarsi quanto pi¨ possibile sulla conoscenza.
Redazione 2 Luglio 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
fonte: meteoweb.eu
Da qualche tempo si sta occupando di questo tema il gruppo Studi su Comunicazione della Scienza ed Educazione del Cnr. L┤Ente, infatti, attraverso l┤Istituto di ricerca sulla popolazione e le politiche sociali (Irpps) e l┤Istituto di fisiologia clinica (Ifc), è coinvolto in un progetto europeo quinquennale -┤REPOPA- svolto da sei Paesi europei (Danimarca, Finlandia, Italia, Olanda, Regno Unito, Romania più il Canada), che ha tra i suoi obiettivi quello di integrare la conoscenza scientifica - anche quella non accademica - nei processi di policy, in particolare nell’ambito della salute.

Il Cnr ha coinvolto in questa riflessione anche ricercatori e policy makers a livello locale e nazionale, con rappresentanti dal Ministero della Salute, dall┤Istituto Superiore di Sanità, dall┤Università, da enti locali, aziende e unità sanitarie locali (Empoli, Bergamo, Roma, Verona).

Fasi cruciali del dibattito hanno avuto luogo a livello locale, con la partecipazione del Municipio di Roma XII (Monteverde) in un intenso confronto con ricercatori, docenti, formatori, policy maker, successivamente allargato ad esperti nazionali, mediante una discussione strutturata a distanza basata sul metodo Delphi. L’obiettivo è stato quello di stimolare una riflessione più ampia su come migliorare il rapporto tra scienza e politica. Diciotto tra gli esperti coinvolti, ricercatori, politici locali e nazionali, giornalisti e medici della sanità pubblica, sono stati invitati a far parte del panel: Sveva Avveduto (Dirigente di Ricerca del Cnr), Fabio Bellini (Consigliere Regionale Lazio), Giuseppe Caldarola (ex parlamentare e giornalista), Rosaria Conte (Dirigente di Ricerca del Cnr), Franco Doni (direttore Società della Salute Fiorentina Nord-Ovest), Letizia Gabaglio (giornalista di Galileo e docente di comunicazione della scienza), Daniela Galeone (Dirigente Medico del Ministero della Salute), Pietro Greco (giornalista e studioso di comunicazione della scienza), Cristina Maltese (Presidende Municipio XII Roma), Cristina Mangia (Presidente associazione Donne e Scienza), Giorgio Modesti (medico del lavoro), Roberto Moretti (responsabile Servizio di Promozione della Salute, Asl Bergamo e docente), Susanna Morgante (dirigente medico, ULSS 20 Verona), Giovanna Nicolai (Ufficio stampa del Comune di Roma), Luigi Nieri (Vicesindaco di Roma), Maria Grazia Petronio (Responsabile UOS Ambiente e Salute, USL 11 Empoli), Francesco Polcaro (Presidente del Comitato Provinciale ANPI di Roma e ricercatore), Alberto Silvani (Responsabile Struttura tecnica di particolare rilievo Valorizzazione della Ricerca, Cnr).

Dal loro dialogo strutturato, mediato dagli autori dello studio, sono emerse alcune proposte concrete, che possiamo riassumere così:

1. istituzione di una o più consulte di ricercatori e ricercatrici con il ruolo di osservatorio sugli aspetti scientifici delle leggi in discussione a livello nazionale e locale;

2. adozione di una banca dati integrata dei ricercatori disponibili a fornire consulenze ai decisori politici;

3. istituzione di science shop (strutture che forniscono supporto di ricerca in risposta a problematiche espresse dalla società civile), espressamente rivolti a rispondere a richieste specifiche dei decisori politici;

4. valorizzazione, da parte del sistema dell’università e della ricerca, delle capacità dei ricercatori di comunicare la scienza;

5. promozione, da parte del sistema dell’università e della ricerca, di iniziative di valorizzazione della cultura scientifica nel policy making, per esempio mediante stage di studenti e mobilità dei ricercatori presso organismi tecnici e politici;

6. realizzazione di piattaforme per la realizzazione di tavoli tecnici reali e virtuali orientati alla relazione tra ricerca e politica, sulla base di metodologie di discussione collettiva.

Sulla base di questi risultati e delle conoscenze costruite nel progetto ┤REPOPA┤, è stata predisposta una lista di indicatori di evidence-informed policy making, elementi ┤misurabili┤ che possono aiutare a capire se la scienza sia presa in considerazione o meno nell’ambito di una determinata policy. Gli indicatori, ancora in attesa di pubblicazione, riguardano diversi aspetti, dal coinvolgimento diretto di ricercatori nello sviluppo di una policy alla citazione di letteratura scientifica nei suoi documenti, dalla disponibilità di budget dedicati alla presenza di iniziative di comunicazione per acquisire conoscenze da diversi gruppi di interesse. Tali indicatori verranno poi contestualizzati a livello nazionale tramite conferenze che coinvolgeranno diverse reti di stakeholder, potenzialmente interessate a implementarne l’uso nelle loro realtà specifiche.

L’appuntamento italiano è fissato per il 16 novembre 2015 alla sede centrale del Cnr di Roma. Nuovamente le opportunità di dibattito e il flusso di conoscenze si muovono a cavallo del livello internazionale e dei contesti locali. 

(cnr.it)

 

Ultime da Ricerca e sviluppo
Gran parte dell┤intelligenza si eredita dalla mamma
Italia-Israele: Ŕ sfida
Da Telethon oltre 1.480.000 euro alla ricerca scientifica in Veneto
Dopo 9 anni la sonda New Horizons ha raggiunto Plutone
Ricerca Unimib: frugando tra i ricordi i nostri occhi sembrano laser
Un collirio per la cura delle malattie neurodegenerative
Sul lungo termine gli antibiotici rendono i batteri pi¨ forti
Moglynet, tre milioni di euro al progetto coordinato dalla Statale di Milano
Trieste Next 2015, il salone europeo della ricerca scientifica
Finanziamento di 66 milioni per innovazione e ricerca in Emilia Romagna

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS