Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

22/3/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























CAPITALE UMANO

I lavoratori italiani a termine sostano alle porte dell┤Europa


Il principio di non discriminazione tra il lavoratore precario e quello a tempo determinato non trova ancora piena applicazione nell┤ordinamento nazionale.
Redazione 6 Maggio 2014 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
Un altro passo è stato compiuto dalla Pubblica Amministrazione nel lento processo per metabolizzare ed applicare nell’ordinamento nazionale un principio cardine del diritto sociale europeo, rappresentato dal divieto di discriminazione del lavoratore a termine rispetto a quello titolare di un rapporto a tempo indeterminato.
Nell’ordinamento comunitario il principio è stato sancito dalla clausola 4 dell’Accordo Quadro sul lavoro a tempo determinato del 18.3.1999, trasfuso poi nella Direttiva 1999/70/CE del 28.6.1999, secondo la quale per quanto riguarda le condizioni di impiego, i lavoratori a tempo determinato non possono essere trattati in modo meno favorevole dei lavoratori a tempo indeterminato comparabili per il solo fatto di avere un contratto o rapporto di lavoro a tempo determinato, a meno che non sussistano ragioni oggettive.
Il punto 4 della medesima clausola, in particolare, precisa che i criteri del periodo di anzianità di servizio relativi a particolari condizioni di lavoro dovranno essere gli stessi sia per i lavoratori a tempo determinato sia per quelli a tempo indeterminato, eccetto quando criteri diversi in materia di periodo di anzianità siano giustificati da motivazioni oggettive

La Corte di Appello di Roma, con la recente sentenza sez. lav. 25-3-2014 n. 2951, ha dato nuovo impulso al processo di integrazione del sistema del lavoro pubblico italiano con il principio comunitario, segnando una tappa fondamentale nel consolidamento anche in secondo grado di un orientamento ormai prevalente presso i Tribunali di merito. Il Collegio, difatti, ha confermato la decisione del giudice di prime cure sull’applicazione del principio di non discriminazione, sancito dalla direttiva comunitaria, con riguardo al computo, ai fini dell’anzianità di servizio, dell’attività lavorativa prestata presso un ente pubblico con i contratti a tempo determinato. L’Ente dovrà dunque ricostruire la carriera dei dipendenti conteggiando anche i periodi di tempo in cui l’attività lavorativa è stata svolta sulla base di un rapporto a termine.

Potrebbe apparire come un buon segnale, quello del riconoscimento di un principio fondante del diritto sociale comunitario, se non fosse altro che l’integrazione con le regole dell’ordinamento comunitario, voluta dall’Europa nel lontano 1999, sta maturando seguendo il decorso naturale dei tempi della giustizia nazionale.
Eppure, l’obbligo di applicare il diritto comunitario nell’ordinamento nazionale e di tutelare i diritti che esso attribuisce ai singoli non grava soltanto sui giudici ma, primi fra tutti, sugli organi dell’amministrazione pubblica, che in questa occasione sembra invece preferire una diversa applicazione del principio comunitario di non discriminazione, aprendo così la strada all’ennesimo conflitto tra poteri dello Stato che si ripercuote in danno dei cittadini. Al riguardo la Corte di Giustizia UE ha sempre ribadito (sent. 13.9.2007, C-307/05, Del Cerro Alonso) che le prescrizioni dell’Accordo Quadro e della Direttiva sono applicabili anche ai contratti e ai rapporti di lavoro a tempo determinato conclusi con le Amministrazioni e con altri enti del settore pubblico dacché trattasi di regole fondamentali del diritto comunitario che, in quanto tali, devono trovare applicazione a tutti i lavoratori, pubblici e privati che siano.
 
D’altronde, risulta assai arduo comprendere come si possa riconoscere, in ragione soltanto del carattere temporaneo del rapporto di lavoro di taluni dipendenti, una discriminante rispetto ai dipendenti a tempo indeterminato.
É auspicabile che in “Un Paese più semplice e capace di dare risposte” si affermi come priorità la restituzione della dignità al lavoro precario, tanto più che oggi, alla luce delle disposizioni urgenti del Jobs Act (DL n. 34/2014), la stipula di contratti a termine è di fatto liberalizzata, non essendo più necessario giustificare l’apposizione di una data di fine contratto.
 
Info via Italiansinfuga.it (articolo di Gianluca Fasano)

Ultime da Capitale umano
Scambio culturale in Georgia
La metro M5 arriverÓ fino a Monza
"Costruiamo il futuro", verso lo sciopero del 5 dicembre
La Commissione europea lancia un contest di scrittura
Nel 2013 pi¨ di 120 milioni di europei a rischio povertÓ o esclusione sociale
Premio EGO per le start-up pi¨ innovative
Expo premia le donne
Pulizie a domicilio, arriva Easyfeel
Crowdfunding: 3 false credenze e 3 consigli
Metti un Fablab nel deserto

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS