Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

23/4/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























POLITICA
I tagli previsti dal "Piano Cottarelli"

Gli stipendi dei dirigenti pubblici italiani rispetto ai colleghi europei


In Paesi come Germania, Francia e Gran Bretagna, i manager statali guadagnano fino a 4 volte meno dei nostri.
Redazione 21 Marzo 2014 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
Continuano a far discutere i contenuti del Piano Cottarelli che dovrebbe rappresentare la base da cui partire per effettuare tagli radicali alla nostra spesa pubblica. Spulciando nel dettaglio quello che rappresenta il programma di spending review della nostra amministrazione pubblica per i prossimi tre anni, si scoprono infatti spesso particolari, a dir poco, irritanti, per un normale cittadino del nostro Paese. Scalpore ad esempio stanno suscitando i rilievi riguardanti il settore dirigenziale della nostra burocrazia statale.
 
In pratica si scopre che i nostri manager statali e i dirigenti di prima fascia, non solo guadagnano stipendi d’oro in valore assoluto, ma percepiscono retribuzioni enormemente più esose rispetto ai propri colleghi omologhi di realtà come Germania,Gran Bretagna o Francia, dove notoriamente iservizi pubblici funzionano decisamente meglio. Insomma, non solo ogni giorno ci ritroviamo a fare i conti con una macchina pubblica inefficiente e indisponente, ma ora ci tocca anche sapere che a farla funzionare, per modo di dire, ci sono dirigenti che guadagnano cifre astronomiche e nettamente superiori a quelle di altri Paesi europei molto più efficienti.
 
E allora, entrando nel merito dei numeri, si scopre ad esempio che un dirigente apicale della nostra pubblica amministrazione guadagna in media circa 12 volte il reddito pro capite che percepisce in Italia un normale lavoratore. Questo significa in pratica che nel nostro Paese un manager pubblico guadagna in un mese quello che un normale dipendente percepisce in un anno. Se si considera però lo stesso parametro per altri Paesi dell’Unione, si scopre che in Francia questo rapporto scende a 6,5, in Inghilterra a 5 mentre in Germania, un manager pubblico arriva a guadagnare solo 4 volte di più di uno stipendio medio. E le cose non migliorano certo se si prendono in considerazione le retribuzioni dei dirigenti di primo livello.
 
Anche in questo caso le discrepanze sono lampanti e raccapriccianti. In Italia infatti un dipendente pubblico con queste mansioni guadagna circa 10 volte il reddito medio procapite. In confronto in Gran Bretagna siamo intorno al 5,5, mentre nella solita efficiente Germania questo parametro crolla ancora una volta a quota 4,3. Numeri che già da soli bastano a farci comprendere  quanto mai auspicabile sarebbe un taglio deciso degli stipendi dei dirigenti pubblici per calmierare la nostra spesa complessiva. In questo senso il Piano Cottarelli prevede un risparmio di circa 500 milioni. Ma c’è chi è andato oltre, immaginando di poter arrivare a risparmiare almeno il doppio. Il riferimento è ad uno studio del sito Lavoce.info dove, oltre a segnalare in maniera altrettanto evidente le disparità di cui sopra, si stimano possibili risparmi molto più sostanziosi.
Nella ricerca in questione si mettono a confronto gli stipendi di dirigenti italiani e di omologhi inglesi. Ebbene, quello che si scopre è che, non solo esistono i gap percentuali e relativi sopra evidenziati, ma anche a livello assoluto, gli introiti dei nostri manager pubblici sono nettamente superiori. I media, la ricerca rileva che tra le retribuzioni italiane e quelle del Regno Unito esistono infatti, come detto, in valore assoluto, discrepanze che vanno dal 60 fino addirittura al 90% in più. In questo contesto, immaginare un taglio lineare di questi stipendi del 15-20% non solo non comporterebbe grandi sacrifici per i nostri dirigenti, ma potrebbe portare a risparmi di spesa di circa un miliardo di euro. Si spera dunque che il governo tenga conto di tutti questi rilievi quando deciderà i tagli da mettere in campo.
 
Informazione via Panorama.it (articolo di Giuseppe Cordasco)

Ultime da Politica
Il Parlamento greco ha approvato il primo pacchetto di misure imposte dall┤UE
Approvato al senato il maxiemendamento sulla riforma della scuola
Il senato approva il ddl che introduce il reato di omicidio stradale
Domenica 31 Maggio si voterÓ in 7 regioni
I rapporti tra Vaticano e Palestina
La buona scuola in un video
La Commissione Europea e la sfida della nuova Agenda Europea sull┤Immigrazione.
La Camera ha approvato la nuova legge elettorale: arriva l┤Italicum
Salta la candidatura di Nino Di Matteo alla Procura nazionale
Ue, no all┤intesa Ungheria-Russia sul nucleare

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS