Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

9/8/2020  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























ECONOMIA
L┤opinione del Fondo Monetario Internazionale

Fmi, frenata per l┤economia mondiale nel 2015


Secondo gli economisti il 2015 andrÓ a rilento per tutte le economie occidentali, con la sola eccezione degli Usa. L┤Italia in particolare sarÓ l┤ultima dei paesi del G7 per la crescita.
Redazione 22 Gennaio 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
Olivier Blanchard (wikipedia.org)

L’economia italiana nel 2015 crescerà meno delle aspettative, in un quadro generale in cui è tutto il mondo a frenare. Nel nostro paese il pil dovrebbe aumentare di 0,4 punti percentuali, ovvero 0,5 in meno rispetto al mese di ottobre, per poi tornare ad accelerare nel 2016 attestandosi intorno al + 0,8%. Il rallentamento italiano si riscontra in un contesto di forte debolezza di tutta l’area euro, in cui a salvarsi è solo la Spagna. Tra le economie sviluppate l’unica a mostrare un deciso avanzamento è quella degli Stati Uniti.

A esporre la situazione è il Fondo Monetario Internazionale, che nel suo ultimo dossier rivede al ribasso il prodotto interno lordo mondiale. Ciò avviene malgrado la decisa flessione del prezzo del petrolio, i cui effetti positivi sono annullati da altri fattori, tra i quali la debolezza degli investimenti: “La revisione al ribasso riflette la rivalutazione delle prospettive di Cina, Russia, dell’area euro e del Giappone, ma anche l’attività più debole dei maggiori esportatori di petrolio in seguito al calo dei prezzi del greggio”, afferma l’Fmi, che poi aggiunge: “La crescita più debole per il 2015 e il 2016 evidenzia il bisogno urgente di riforme strutturali in diverse economie. L’economia globale si trova ad affrontare forti e complesse correnti e controcorrenti” afferma il capo economista dell’Fmi, Olivier Blanchard.

Per quanto concerne l’Italia, dopo la contrazione del pil dell’1,4% nel 2013 e dello 0,4% nel 2014, secondo l’Fmi si tratta del fanalino di coda tra i paesi del G7. Il dato italiano, tuttavia, è in linea con quello dell’eurozona, il cui prodotto interno lordo crescerà dell’1,2% nel 2015 e dell’1,4% nel 2016. Anche la Germania rallenta la crescita.

(fanpage.it)


Ultime da Economia
Kickstarter sarÓ disponibile anche per l┤Italia
Nuove start up per valorizzare il turismo in area adriatica
L┤Unione Europea indaga Amazon per abusi nel mercato editoriale
Italian Master Start up, vince un┤app del Politecnico
Istituita una pagina web nazionale per i finanziamenti alle start up
Edison premia le migliori start up alla all┤Innovation Week
Una start up per catalogare le start up
La ricerca salvaguarda il made in Italy
Il Parma calcio andrÓ all┤asta
Expo, gli eventi della Commissione Europea

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS