Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

14/12/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























LE AZIENDE ED I CSR
Non cambia il tetto dei recessi

Fiat procede con la fusione con Chrysler


La fusione tra Fiat e Chrysler continuerÓ cosý "come approvata" dall┤assemblea dei soci lo scorso 1 agosto. L┤azienda definisce "illazioni" le indiscrezioni giornalistiche sulla possibilitÓ di alzare il tetto dei recessi per concludere l┤operazione.
Redazione 15 Agosto 2014 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
La fusione Fiat-Chrysler verrà completata così “come approvata” dall’assemblea dei soci, lo scorso primo agosto. Nel giorno in cui il titolo della casa automobilistica torna sopra i 7 euro, chiudendo le contrattazioni in borsa in terreno positivo per il secondo giorno consecutivo (+1,79%), l’azienda bolla come “illazioni” le indiscrezioni di stampa sulla possibilità di alzare il tetto dei recessi per condurre in porto l’operazione.

L’ipotesi, tecnicamente possibile, non è mai stata presa in considerazione. Fiat non ha infatti alcuna intenzione, precisa un portavoce in una nota, “né di rinunciare a tale limite, né di elevarlo”. L’asticella resta dunque a quota 500 milioni di euro, il costo massimo stabilito dal Lingotto per il recesso dalle azioni, diritto che il codice civile concede a chi non ha votato a favore della fusione. Qualora dovesse essere superata – tra non intervenuti all’assemblea e contrari (8% del capitale) all’operazione il recesso potrebbe arrivare addirittura a 700 milioni – il progetto subirebbe uno stop.
 
Nessun piano B, dunque. “Se il limite fosse superato – spiega l’azienda – e la società decidesse di convocare una nuova assemblea straordinaria, l’assemblea potrebbe semplicemente approvare un nuovo progetto di fusione, il che condurrebbe alla fissazione di un nuovo prezzo del recesso”, attualmente fissato a 7,727 euro ad azione. Una cifra superiore all’attuale valore di mercato, crollato la scorsa settimana proprio sui timori che l’esercizio del diritto di recesso potesse bloccare la fusione, ma ora in ripresa. Dopo le parole dell’ad Sergio Marchionne, che nei giorni scorsi ha definito “esagerata” la paura del recesso e ha ribadito l’impegno dell’azienda nel portare a termine la fusione, il titolo Fiat ha ripreso quota. Il segnale viene interpretato in modo positivo dal Lingotto, che comunicherà nella prima settimana di settembre i numeri sugli azionisti Fiat che hanno deciso di esercitare il recesso.
 
Tra i sostenitori dell’operazione, voluta da Exor con il suo 30% del capitale, si registrano numerosi fondi di Blackrock e di Ishare (gli etf controllati dal gestore americano). A fianco di Sergio Marchionne – come si evince dalla pubblicazione del verbale dell’assemblea Fiat dello scorso primo agosto che ha dato via libera alla nascita di Fiat Chrysler Automobiles – anche i fondi Vanguard, azionisti sopra il 2% del capitale, quelli del businessman americano di origine indiana Mohnish Pabrai, con poco più dell’1% del capitale, e di Bluemontain. Tra le banche centrali ha approvato le nozze Fiat-Chrysler la People Bank of China, anche se è intervenuta con una piccola parte del pacchetto del 2%. Anche l’asset manager Baillie Gifford, titolare del 2,6% del capitale, si è presentato in assemblea e ha votato sì con una frazione delle sue quote.

(via:fonte12alle12)

Ultime da Le aziende ed i CSR
Fca, 600 milioni dalla Bei per gli stabilimenti italiani
Eni aspetta la fine dell┤embargo su Teheran
L┤UniversitÓ di Milano tra le nuove mete Fullbright
Intesa Sanpaolo crea una piattaforma per start up
Accordo rinnovato fra Politecnico di Milano e Pirelli
Mediaset e Sky lottano per i diritti televisivi
Mediaset porta le start up in televisione
Fca, corsi universitari pagati per i dipendenti negli States
Eni, al via la produzione nel giacimento di Cinguvu
Autogrill si consolida in America

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS