Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

9/8/2020  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























ECONOMIA
Ufficiale dal 1 gennaio

Ecco il nuovo ISEE


I nuovi parametri per le agevolazioni rischiano di tagliare fuori il 20% delle famiglie che ne avevano usufruito con il precedente regolamento.
Redazione 13 Gennaio 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
fonte: laleggepertutti.it

Con l´entrata in vigore, dal primo gennaio 2015, del nuovo Isee (Indicatore di situazione economica equivalente), circa 1,2 milioni di famiglie rischiano di perdere la possibilità di accedere ai contributi spettanti alle famiglie con basso reddito. Si tratta del 20% dei 6 milioni di famiglie che ne hanno fatto richiesta nel 2014 per ottenere sconti sulle rette per gli asili nido, le università, le bollette, per l´accesso ai contributi alloggiativi ed altre agevolazioni previste per i nuclei familiari a basso reddito.

L´allarme è stato lanciato da Valeriano Canepari, presidente della Consulta dei Caf, secondo il quale le nuove è più restrittive regole per la determinazione dell´Isee 2015 ha indotto numerosi contribuenti a desistere dal presentare la richiesta.

Nuovo Isee: come cambiano le regole per la determinazione                   

Avviata già nel 2011 con la meritoria intenzione di stanare i "furbi" che accedono ad agevolazioni senza averne bisogno, la riforma dell´Isee ha conosciuto un iter piuttosto travagliato, giungendo dopo una lunga gestazione alla pubblicazione, nel novembre scorso, delle regole per il modello di Dichiarazione sostitutiva unica (Dsu) necessario alla determinazione del nuovo Isee.

Con il nuovo sistema, viene dato maggiore peso al valore patrimoniale della casa e viene richiesto di dichiarare tra i redditi anche somme fiscalmente esenti. Restrizioni bilanciate da una maggiore attenzione sulla situazione occupazionale e alle eventuali spese per il mantenimento di coniuge e figli nei casi di separazione o divorzio. Vengono, in definitiva, introdotti una serie di controlli sui dati patrimoniali contenuti nel Dsu, finora esclusi in quanto basati sull´autocertificazione, che hanno indotto molti contribuenti a rinunciare alla richiesta del nuovo Isee, nella certezza di non rientrare nella fascia con diritto alle agevolazioni.

Nuovo Isee: il ruolo dei CAF                                                                                                                La maggiore preoccupazione espressa dai Caf riguarda il fatto non è ancora stata firmata la convenzione tra l´Inps e i Centri di Assistenza Fiscale che dovrebbe contemplare un sostanzioso aumento (50%) delle tariffe par la compilazione delle pratiche di compilazione del Dsu, senza il quale l´Inps non può elaborare il valore del nuovo Isee con il quale le famiglie dovrebbero accedere alle agevolazioni previste.

L´aumento, sostiene Canepari, è giustificato non solo dalla riduzione della platea dei contribuenti che richiederanno l´Isee per il 2015, ma anche dalla maggiore difficoltà di calcolo per la compilazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica. In media, se in precedenza i Caf percepivano 10 euro per ogni richiesta compilata, ora ne richiederebbero 15.

Nel perdurare della situazione di assenza della nuova convenzione con l´Inps, i Caf minacciano di sospendere il servizio di compilazione del Dsu, eventualità che impedirebbe a molte famiglie di ottenere sgravi che, perdurando il periodo di grave crisi che l´Italia sta attraversando, sono fondamentali per l´accesso ad importanti servizi, quali l´assistenza, la casa e il diritto allo studio.

(blastingnews.com)

Ultime da Economia
Kickstarter sarÓ disponibile anche per l┤Italia
Nuove start up per valorizzare il turismo in area adriatica
L┤Unione Europea indaga Amazon per abusi nel mercato editoriale
Italian Master Start up, vince un┤app del Politecnico
Istituita una pagina web nazionale per i finanziamenti alle start up
Edison premia le migliori start up alla all┤Innovation Week
Una start up per catalogare le start up
La ricerca salvaguarda il made in Italy
Il Parma calcio andrÓ all┤asta
Expo, gli eventi della Commissione Europea

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS