Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

23/4/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























POLITICA
Le conseguenze riguardo l┤approvvigionamento energetico

Crisi Russia-Ucraina. Forniture di gas per l┤Italia a rischio?


Per l┤Italia, almeno per il momento, la situazione dovrebbe restare sotto controllo; attualmente, Putin ci garantisce circa il 30-35% del nostro fabbisogno di gas che raggiunge il territorio terminando in Friuli.
Redazione 11 Marzo 2014 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
La crisi ucraina potrebbe produrre, in tutta Europa, ripercussioni sul fronte dell’approvvigionamento energetico. Dalla Russia, proviene circa il 30 per cento del gas destinato al Vecchio Continente, l’80 per cento del quale passa proprio attraverso i 40mila di chilometri di gasdotti che si snodano lungo l’Ucraina. E’ evidente che il conflitto in corso rischia di frenare i flussi. Per alcuni Paesi come la Croazia, che riceve dalla Russia quasi il 100 per cento del suo gas, saranno seri problemi.
 
Per l’Italia, almeno per il momento, la situazione dovrebbe restare sotto controllo; attualmente, Putin ci garantisce circa il 30-35% del nostro fabbisogno di gas che, attraverso il gasdotto Tag (Trans Austria Gas Pipeline), raggiunge il territorio terminando a Tarvisio, in Friuli.
 
Tuttavia, attualmente, a quanto ha riferito un portavoce di Gazprom (la più grande compagnia russa, nonché l’estrattore di gas più grande al mondo) i flussi dalla Russia verso l’Europa via Ucraina sono rimasti inalterati e non sono stati danneggiati. Inoltre, stando alle parole dell’amministratore delegato dell’Eni, Paolo Scaroni, se anche lo fossero in futuro, il nostro Paese potrebbe affrontare tranquillamente l’inverno (dato che le nostre scorte di gas sono più che sufficienti).
 
I problemi, se si verificasse la peggiore delle ipotesi in assoluto, ovvero il blocco totale dell’export russo attraverso l’Ucraina, si porrebbero dall’anno prossimo. Ma, in tal caso, si potrebbero comunque aggirare; anzitutto, incrementando le importazioni da altri Paesi, quali Algeria e Libia. Si potrebbero, inoltre, potenziare l’utilizzo di North Stream, il gasdotto che collega direttamente la Russia con la Germania, passando sotto il Mar Baltico e senza transitare da altri Paesi.
 
Dal 2016, poi, ha concluso Scaroni, la questione dovrebbe essere definitivamente risolta. Per allora, infatti, si prevede che sarà completato e sarà operativo South Stream, il gasdotto che collegherà la Russia con l’Europa passando sotto il Mar Nero.
 
Informazione via Cgiamestre.com 

Ultime da Politica
Il Parlamento greco ha approvato il primo pacchetto di misure imposte dall┤UE
Approvato al senato il maxiemendamento sulla riforma della scuola
Il senato approva il ddl che introduce il reato di omicidio stradale
Domenica 31 Maggio si voterÓ in 7 regioni
I rapporti tra Vaticano e Palestina
La buona scuola in un video
La Commissione Europea e la sfida della nuova Agenda Europea sull┤Immigrazione.
La Camera ha approvato la nuova legge elettorale: arriva l┤Italicum
Salta la candidatura di Nino Di Matteo alla Procura nazionale
Ue, no all┤intesa Ungheria-Russia sul nucleare

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS