Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

19/6/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























DIBATTITI

Cosa vuol dire la parola Olocausto?


Un termine inizialmente religioso Ŕ passato a designare comunemente uno dei pi¨ grandi stermini della storia. Ma Ŕ corretto usare questo termine?
Redazione 30 Gennaio 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
Fonte: Wikipedia
L’Olocausto è un sacrificio, un sacrifico è entrare in contatto con Dio offrendogli qualche cosa. Per gli antichi greci l’olocausto era un ringraziamento a Zeus tramite la combustione di un animale del gregge, solitamente l’animale più degno e puro.

Le parti migliori venivano fatte carbonizzare in modo tale da regalare i fumi a Zeus, e con il resto si organizzava un banchetto in suo onore. Anche per gli ebrei l’olocausto prevedeva appunto il sacrificio di un animale -solitamente l’agnello oppure il montone più forte del gregge- scelto per la sua purezza. La purezza -di spirito, di corpo- è infatti il parametro su cui si setta il collegamento tra l’uomo e la divinità.

Infatti il termine ebraico per definire olocausto è holèh, che vuol dire “ciò che sale”, in riferimento appunto al fumo della combustione che ascende a Dio. Per capire quanto la genesi di questi termini sia poi entrata nel nostro gergo comune, basti pensare nel caso di olocausto al vocabolo caustico che usiamo per definire una persona o un’espressione particolarmente cinica e pungente e che letteralmente vuol dire “sapore bruciante” o “sostanza infiammabile”; nel caso di holéh basti pensare al verbo olere latino –da cui ad esempio deriva olezzo- che aveva il significato letterale di “tramandare odore”.

Ora, fermandoci un attimo per una sosta, ci accorgiamo non senza stupore che si sta parlando di sacralità in merito a una parola atta a identificare un genocidio. Questa strada può apparire impervia ai più, d’altronde è facile rimanere sorpresi se si considera che tutto lo scibile inserito nell’ordine del sacro per noi assume automaticamente un connotato positivo, quasi fosse in contrapposizione all’omicidio, impuro atto terreno.

Non è proprio così. Innanzitutto partiamo dall’evidenza dell’espressione “spargimento di sangue”, adottata spesso per far indossare gli abiti dell’efferatezza ai più svariati delitti ma in realtà anch’essa di origine sacra: durante il rito dell’olocausto infatti l’animale veniva sgozzato e fatto dissanguare, lasciando scorrere il sangue puro ai due lati dell’altare, per lavare il peccato.

Prendiamo ad esempio quello di Mosè:
Il Signore chiamò Mosè e gli disse: Quando uno di voi vorrà presentare come offerta in onore del Signore un animale scelto, offrirete un capo di bestiame grosso o minuto […] Se la sua offerta è un olocausto di bestiame grosso, egli offrirà un maschio senza difetto […] l’offrirà all’ingresso del santuario, perché sia accetto al Signore in suo favore […] scannerà il giovenco davanti al Signore, e i figli di Aronne, i sacerdoti, offriranno il sangue e lo spargeranno […] i sacerdoti porranno il fuoco sull’altare e metteranno la legna sul fuoco; poi bruceranno il tutto sull’altare […]è un olocausto, sacrificio consumato dal fuoco, profumo gradito in onore del Signore.
(cf. Lev 1,1-16)

Da qui si evidenzia in primo luogo l’indispensabile purezza (“senza difetto”) del sacrificio, in secondo luogo l’importanza rituale dello spargimento di sangue, l’agognato gradimento del Dio attraverso l’holéh del profumo, che rappresenta il collegamento –e dunque la trascendenza- dal terreno al divino. Nella Bibbia il sacrificio compare con Caino e Abele, dopo la cacciata dell’uomo dall’Eden. Ecco qui la risposta: il sacrificio è il modo con cui l’uomo -il cui legame con Dio è rovinato dal peccato- tenta di ricongiungersi all’idea di purezza, sacrificando una vita animale -ma anche umana- “in sostituzione” della sua vita da peccatore.
Anche ad Abramo Dio chiede un sacrificio, e per testare la sua fede gli ordina di immolare il figlio Isacco. Proprio sul punto di morte Isacco però viene risparmiato dallo stesso Dio, resosi conto della purezza di spirito di Abramo, e sostituito con un montone.

Nel Nuovo Testamento è Gesù Cristo che si sostituisce alle sue pecore:
Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, come il Padre conosce me e io conosco il Padre, e offro la vita per le pecore. Per questo il Padre mi ama: perché io offro la mia vita. Nessuno me la toglie, ma la offro da me stesso.
(Gv, 10-14)

Questo il motivo per cui cessarono molti sacrifici: perché così come l’animale veniva offerto all’altare in sostituzione del peccatore, così Gesù si incarnò “agnello di Dio che toglie i peccati dal mondo”, rendendo formalmente inutili i sacrifici praticati fino ad allora. I discorsi su questo punto sarebbero molteplici, e partono tutti dall’assunto che il sacrificio da solo non basta a connotare l’espiazione dei peccati e l’automatica accettazione di Dio attraverso il suo gradimento. Un esempio calzante è appunto il primo sacrificio della Bibbia, quello di Caino e di Abele.

La questione sta nel fatto che è importante il rito ma altrettanto importante è la connotazione della poca fede, dell’invidia, della malvagità. Caino sacrifica senza devozione, ma con presunzione. Caino dopo il rifiuto si arrabbia, ma Dio prima gli chiede il perché, poi lo caccia e lo marchia, per far sì che sia sempre riconosciuto come “un membro estraneo”. D’altronde lo stesso Filone descrive Abele nel Commentario Allegorico della Bibbia come «la santità contrapposta alla materialità di Caino, l’anima dell’uomo malvagio, l’idea stessa del peccato, il senza-Dio, il male incarnato, il folle», mentre interessante è la storia della setta gnostica dei Cainiti, risalenti al II secolo d.c., la cui teoria religiosa aveva alla base la dicotomia tra Vecchio Testamento e Nuovo Testamento: per i Cainiti il Dio del Vecchio Testamento è un demiurgo, tiranno del mondo e vero nemico di Dio, che invece ha il nome di “Sophia”.

L’Olocausto, pur riferendosi a un genocidio, non è soltanto un genocidio: è per questo che ogni paragone con qualsiasi altro eccidio avvenuto per ragioni politiche, economiche e militari non può reggere il confronto. L’Olocausto nazista –altrimenti non sarebbe chiamato così- ha una componente rituale trascendente, una componente rituale però completamente distorta. Per fare un esempio, sembra che i nazisti avessero la consapevolezza di aver scelto il sacrificio degno ma lo giustificarono come un eliminazione del meno degno. Insomma, un rito per i propri interessi nel vano tentativo di ingraziarsi Dio senza però liberarsi dal peccato, tenendo buono quest’ultimo magari per sostituirsi un giorno a Dio stesso

Ultime da Dibattiti
Garanzia Giovani, come funziona?
Quando Ŕ cominciata la questione dei giocatori oriundi in nazionale?
Quali sono le pi¨ belle universitÓ al mondo?
Cosa succede agli account Facebook dei morti?
Riforma costituzionale. Razionalizzazione del sistema o deficit democratico?
Le macchine elimineranno gli uomini?
Abbandono degli studi: dove colpisce di pi¨?
Quali sono i vantaggi dei pagamenti elettronici?
Che cos┤Ŕ l┤Eurovision Song Contest?
PerchÚ in molti sono contrari all┤Expo?

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS