Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

23/4/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























DIBATTITI

Cosa succede agli account Facebook dei morti?

facebook

Il popolare social network si preoccupa della gestione dell┤ereditÓ digitale dei suoi utenti.
Redazione 26 Giugno 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
 Articoli simili
 Facebook supera Youtube
L´hanno chiamato Legacy Contact è un nuovo servizio offerto da Facebook subito negli Stati Uniti ma che poi sarà allargato a tutto il resto del mondo. Un servizio che prova ad affrontare di petto il tema da sempre discusso e mai risolto dell´eredità dei nostri dati digitali e nel farlo cerca di dare un senso al vuoto che si crea quando muore un iscritto al social più popolare del pianeta. Grazie a queste nuove funzioni, a breve ogni persona che abbia un suo profilo sul social di Mark Zuckerberg potrà - se vuole - decidere che cosa ne sarà della sua pagina (foto, note, articoli, post e link) in caso di morte. E potrà farlo decidendo di scegliere un gestore del sito per il tempo in cui non ci sarà più. Una persona, della famiglia o non, che si occuperà entrare nel profilo e modificarlo secondo la sensibilità del momento, rispondere alle richieste di amicizia in nome dello scomparso o eseguire le disposizioni date dal defunto titolare del profilo.

L´erede digitale, tuttavia, non si potrà loggare come la persona che è venuta a mancare, e quindi non potrà visualizzare i messaggi privati che questa ha scambiato con i suoi contatti mentre era in vita. Se il profilo viene reso commemorativo, inoltre, la scritta ´remembering´, ´in ricordo´, comparirà sopra il nome della persona. Ma non solo: l´utente potrà anche impostare un´opzione che cancella definitivamente il profilo in caso di morte. In questo caso, "una volta che ci sarà comunicato il tuo decesso, nessuno potrà più vedere il tuo profilo", spiega il social network. Per configurare il Legacy Contact basterà andare nel menu impostazioni, scegliere la sezione sicurezza e infine cliccare su Legacy Contact. Naturalmente potremo modificare le scelte fatte in qualsiasi momento.

Queste nuove funzioni cercano di risolvere un problema che si pone ogni qual volta muore un iscritto. Quando inevitabilmente si crea una empasse che ha non poche implicazioni etiche: il suo profilo resta congelato visto che nessuno può accedervi se non conosce la password. In questo caso, con la nuova funzione, (quasi) tutto si sblocca. Quasi, perché il servizio prevede alcuni paletti come quelli che non permetteranno di leggere i messaggi privati fatti sul social, né modificare o cancellare post, né tantomeno cancellare l´intero account. "Finora in caso di morte abbiamo offerto un profilo commemorativo ´basic´ che era visibile, ma non poteva essere gestito da nessuno - aggiunge Facebook -. Parlando con persone che hanno subito una perdita, abbiamo capito che possiamo fare di più per sostenere chi è in lutto e per chi vuole scegliere cosa ne sarà del suo account dopo la morte".

Insomma, siamo dinanzi a un nuovo tentativo di "testamento digitale" che, per quanto limitato al solo account di Facebook può dirci tanto. Dalla risposta degli utenti a questa funzione, per un social che ha superato il miliardo di utenti attivi nel pianeta, avremo la percezione netta di quanto la problematica dell´eredità digitale necessiti di regole condivise tra le varie piattaforme. Il primo big dell´hi-tech a predisporre una funzione analoga anche se non così articolata fu Google che nel 2013 lanciò l´"Inactive Account Manager", un servizio con il quale si può programmare il periodo di inattività oltre il quale i nostri servizi verranno terminati.



Ultime da Dibattiti
Garanzia Giovani, come funziona?
Quando Ŕ cominciata la questione dei giocatori oriundi in nazionale?
Quali sono le pi¨ belle universitÓ al mondo?
Riforma costituzionale. Razionalizzazione del sistema o deficit democratico?
Le macchine elimineranno gli uomini?
Abbandono degli studi: dove colpisce di pi¨?
Quali sono i vantaggi dei pagamenti elettronici?
Che cos┤Ŕ l┤Eurovision Song Contest?
PerchÚ in molti sono contrari all┤Expo?
PerchÚ le elezioni del Regno Unito sono importanti?

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS