Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version française Versione italiana

25/4/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
Società
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
Università
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIETÀ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























POLITICA
Un disastro ambientale enorme

Condannati 28 dirigenti dell´Ilva


Il giudice della seconda sezione penale del tribunale di Taranto Simone Orazio ha condannato in primo grado 28 imputati per disastro ambientale ed omicidio colposo per la morte di una ventina di operai, ammalati di cancro per l´esposizione all´amianto. Con una condanna da quattro a nove anni e mezzo, sono stati condannati alcuni ex manager e direttori generali dello stabilimento siderurgico di Taranto Italsider/Ilva. Il gruppo Riva, infatti, acquistò l´acciaieria dallo stato nel 1995.
Redazione 23 Maggio 2014 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
I crimini contestati agli imputati risalgono sia al periodo di gestione pubblica dello stabilimento, sia alla gestione privata.

La pena più alta, nove anni e mezzo, è andata al manager Sergio Noce, nove anni al suo collega Gianbattista Spallanzani e nove anni e due mesi ad Attilio Angelini, accusati di disastro ambientale e ventuno omicidi colposi, per la morte per mesiotelioma di operai venuti in contatto con fibre di amianto. Ad otto anni e mezzo sono stati condannati Pietro Nardi e Giorgio Zappa, ex dirigenti di Finmeccanica.

Fra gli imputati c’era anche il proprietario dell’Ilva Emilio Riva, morto il 30 aprile 2014, Fabio Riva e l’ex direttore dello stabilimento di Taranto Luigi Capogrosso, entrambi condannati a sei anni di reclusione.

Secondo l’accusa l’amianto fu usato in maniera massiccia nello stabilimento siderurgico di Taranto, il più grande d’Europa, ed è ancora oggi una sostanza presente in alcuni impianti dell’Ilva. Nel corso degli anni gli operai non furono formati e informati sui rischi dell’amianto, non ricevettero sufficienti visite mediche e tutele per la loro salute entrando in contatto con la pericolosa sostanza che in molti caso ha causato gravi malattie e la morte.

Informazione via Internazionale


Ultime da Politica
Il Parlamento greco ha approvato il primo pacchetto di misure imposte dall´UE
Approvato al senato il maxiemendamento sulla riforma della scuola
Il senato approva il ddl che introduce il reato di omicidio stradale
Domenica 31 Maggio si voterà in 7 regioni
I rapporti tra Vaticano e Palestina
La buona scuola in un video
La Commissione Europea e la sfida della nuova Agenda Europea sull´Immigrazione.
La Camera ha approvato la nuova legge elettorale: arriva l´Italicum
Salta la candidatura di Nino Di Matteo alla Procura nazionale
Ue, no all´intesa Ungheria-Russia sul nucleare

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
Parità di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'università?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L´equazione dell´anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS