Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version française Versione italiana

21/5/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
Società
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
Università
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIETÀ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























AMBIENTE
Cnr e Università di Pisa

Cnr, l´inquinamento rallenta le glaciazioni


Le massicce emissioni di anidride carbonica sta aumentando il periodo interglaciale che dura da circa 12.000 anni. Una ricerca condotta da ricercatori pisani e dell´Igag-Cnr.
Redazione 10 Giugno 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
fonte: vnews24.it

effetto serra conseguente alla cospicua concentrazione di anidride carbonica nell´atmosfera starebbe prolungando l´attuale periodo interglaciale, iniziato circa 11.700 anni fa. Gli effetti climatici della CO2, peraltro già relativamente elevata prima dell´avvento della rivoluzione industriale, sono infatti tali da inibire l´inizio di un´era glaciale. È quanto emerge da uno studio appena pubblicato nella rivista ‘Geology´ e condotto da un team internazionale di ricercatori guidati da Biagio Giaccio dell´Istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Consiglio nazionale delle ricerche (Igag-Cnr), da Eleonora Regattieri, ora dell´Igag-Cnr di Roma e Phd della scuola Galileo Galilei dell´Università di Pisa e da Giovanni Zanchetta, del dipartimento di Scienze della Terra dell´Ateneo pisano.

L´analisi dei depositi accumulatisi sul fondo di un antico lago, che un tempo si estendeva nell´attuale piana di Sulmona in Abruzzo, ha consentito ai ricercatori di individuare un periodo analogo all´attuale Olocene, indicato con il nome di ‘Stadio isotopico marino 19c (MIS 19c)´. In questo periodo, iniziato circa 790mila anni fa, la configurazione orbitale della Terra, e dunque la quantità di energia solare che riscalda il nostro pianeta, era simile a quella odierna. Lo studio dettagliato di diversi livelli di ceneri vulcaniche rinvenute nell´area, eseguito in centri specializzati in Francia (Cea-Cnrs-Uvsq) e in California (Berkeley Geochronology Center), ha permesso di ottenere per la prima volta un´affidabile cronologia dell´evoluzione climatica di questo antico periodo caldo.

"Assumendo una totale analogia tra le due fasi interglaciali, il MIS 19c e l´Olocene", spiega Biagio Giaccio, "l´attuale periodo caldo dovrebbe essere relativamente prossimo alla sua fine e volgere verso una nuova glaciazione, se non fosse per la significativa differenza dei gas serra riscontrati nei due periodi". Infatti, mentre durante le fasi iniziali di entrambi gli interglaciali le concentrazioni di CO2 appaiono del tutto simili, l´atmosfera dell´Olocene, già a partire dai primi millenni, si è progressivamente arricchita di anidride carbonica rispetto invece a quella del MIS 19c.

"A parità di insolazione", aggiunge Giovanni Zanchetta, "il diverso contenuto di CO2 potrebbe essere stato sufficiente a far divergere drasticamente l´evoluzione dei due interglaciali conducendo, da un lato, il MIS 19c verso la sua fine, e quindi a una glaciazione, e producendo dall´altro un prolungamento delle condizioni delle attuali condizioni interglaciali".

I ricercatori stimano, al 68% di probabilità, che la durata del MIS 19c sia di 10800 +/- 1800 anni. "Questo significa che l´Olocene poteva già essere terminato oltre mille anni fa", afferma Giaccio. "La fase di generale raffreddamento del clima olocenico che si ipotizza sia iniziata circa 4.500 anni fa, quella che i geologi definiscono ‘neoglaciale´, probabilmente rappresentava l´embrione della prossima glaciazione poi, forse, definitivamente abortita per l´eccesso di CO2".

(cnr.it)


Ultime da Ambiente
La Corte di Giustizia dell´UE ha condannato l´Italia
Dal Madagascar arrivano le formiche Dracula
Gli ´hot spot´ del cambiamento climatico
Il volo per vedere le aurore boreali
I due mari che si incontrano senza mescolarsi
Droni del Cnr studiano il clima dell´Artico
Occhio della Medusa: la prima foto delle stelle neonate
Energia solare e pulita con il Cnr
Il Cnr all´Expo si occupa di pesca sostenibile
Esplorato per la prima volta il Canyon sommerso di Perth

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
Parità di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'università?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L´equazione dell´anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS