Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

9/8/2020  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























ECONOMIA
Effetti del crollo del petrolio

Benzina, ribassi da record


Per la prima volta dal 2011, il prezzo scende sotto quota 1,50 euro.
Redazione 15 Gennaio 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
 Articoli simili
 Addio allo scontrino fiscale
Crollo senza fine per le quotazioni del petrolio, che trascinano al ribasso i prezzi dei carburanti: la benzina precipita sotto quota 1,5 euro al litro e il gasolio sotto 1,4 euro, tornando ai livelli delle prime settimane del 2011.

Proseguendo la discesa senza fine innescata ormai da qualche mese, il greggio è sceso oggi la soglia psicologica dei 45 dollari al barile, portandosi così sulle quotazioni di aprile 2009: nel corso della seduta ha poi recuperato, superando il Brent per la prima volta dal 2013, per poi terminare le contrattazioni a 45,89 dollari. E i carburanti seguono a ruota: stando alle rilevazioni del Ministero per lo Sviluppo, che realizza una media tra servito, self e pompe bianche, la verde è a quota 1,472 euro al litro, mentre il gasolio è sceso a 1,387 euro. Dal picco di 1,763 del 14 luglio 2014 la benzina è quindi scesa del 16,5%: un pieno per un’auto di media cilindrata, rispetto alla scorsa estate, costa quindi ben 15 euro in meno. Non solo: nelle aree dove la competizione tra Gdo, no-logo e full self h24 è più accesa i prezzi si attestano rispettivamente a 1,33 e 1,26 euro al litro.

Tuttavia la discesa alla pompa non ha seguito in tutto e per tutto quella del greggio. I prezzi esposti in questi giorni ai distributori, infatti, si avvicinano a quelli di febbraio 2011 e non di aprile 2009, epoca a cui è tornata la quotazione del petrolio. La differenza, come ormai noto, si deve soprattutto al peso del fisco. Rispetto a sei anni fa, infatti, la benzina costa 29 centesimi in più: di questi, ben 24 sono responsabilità dell’Erario, con gli aumenti delle accise e dell’Iva che si sono susseguiti per i più disparati motivi in questi anni.

Anche per questo le associazioni dei consumatori protestano. Il Codacons rileva infatti che «oggi, nonostante le quotazioni del petrolio abbiano raggiunto i livelli del 2009, la verde - escludendo le pompe no logo - costa sul territorio mediamente 1,542 euro al litro (1,448 il gasolio). Ciò significa che ogni automobilista, rispetto ad aprile 2009, paga oggi per un litro di benzina 0,357 euro in più (+0,407 per il diesel), con un maggior esborso per il pieno di carburante pari a 17,85 euro (verde) e 20,35 euro (diesel)». «Accise, tasse e maggiore Iva hanno il loro peso sul prezzo dei carburanti - spiega il presidente Carlo Rienzi - ma riteniamo ci siano ancora elevati margini per far scendere i prezzi alla pompa e consentire cospicui risparmi ai consumatori».

Fonte: LaStampa.it


Ultime da Economia
Kickstarter sarÓ disponibile anche per l┤Italia
Nuove start up per valorizzare il turismo in area adriatica
L┤Unione Europea indaga Amazon per abusi nel mercato editoriale
Italian Master Start up, vince un┤app del Politecnico
Istituita una pagina web nazionale per i finanziamenti alle start up
Edison premia le migliori start up alla all┤Innovation Week
Una start up per catalogare le start up
La ricerca salvaguarda il made in Italy
Il Parma calcio andrÓ all┤asta
Expo, gli eventi della Commissione Europea

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS