Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

27/6/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























ECONOMIA
Mps a rischio secondo uno studio

Banche, ecco i test della Bce


C┤Ŕ anche Banca Monte dei Paschi di Siena tra i nove istituti che rischiano di non superare gli "esami" (asset quality review e stress test) della Banca centrale europea, i cui risultati saranno svelati il 17 ottobre. A fallire la valutazione approfondita (in gergo "comprehensive assessment") della Bce, nel dettaglio, oltre a Rbs e Mps potrebbero esserci in Europa anche Banco Popular, Commerzbank, Lloyd, Danske e Seb.
Redazione 10 Settembre 2014 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
C’è anche Banca Monte dei Paschi di Siena tra i nove istituti che rischiano di non superare gli “esami” (asset quality review e stress test) della Banca centrale europea, i cui risultati saranno svelati il 17 ottobre. A evidenziarlo è lo studio “No need to stress” degli analisti di Mediobanca Securities, secondo il quale nello scenario peggiore il deficit di capitale delle banche del Vecchio Continente si attesterà a quota 16 miliardi e Royal Bank of Scotland verrà bocciata. A fallire la valutazione approfondita (in gergo “comprehensive assessment”) della Bce, nel dettaglio, oltre a Rbs e Mps potrebbero esserci in Europa anche Banco Popular, Commerzbank, Lloyd, Danske e Seb. Altri tre istituti, Caixa, Nordea e Alpha, potrebbero piazzarsi invece in una soglia di rischio poco sopra il minimo richiesto, incassando dunque una “quasi bocciatura”.

L’istituto senese, prevede Mediobanca Securities, passerà senza problemi l’esame sulla qualità degli attivi ma non riuscirà ad affrontare lo scenario di difficoltà simulato con gli stress test, che puntano a verificare gli effetti che situazioni di crisi come una severa recessione potrebbero produrre sui conti. Nel caso di Mps la parte più pregiata del suo capitale (in gergo “common equity tier 1″) si ridurrebbe al 5,4% degli attivi ponderati per il rischio, sotto il 5,5% che è il livello minimo ammesso dall’Autorità bancaria europea. Nello studio si legge che l’ammanco, per l’istituto presieduto da Alessandro Profumo, è di circa 100 milioni di euro su 16 complessivi. Il 71% del “buco”, prevedono gli esperti di Piazzetta Cuccia, sarà concentrato nel Regno Unito, dove Rbs registrerà un “common equity tier 1″ solo del 3,4% e avrà bisogno di una ricapitalizzazione da 11,4 miliardi. Ma il fabbisogno di capitale riguarderà anche la Spagna (2 miliardi per il Banco Popular), la Scandinavia (a Seb Banka saranno necessari 1,5 miliardi) e, subito dietro, la Germania: Commerzbank, il secondo istituto di credito federale, avrebbe infatti secondo le stime di Mediobanca una carenza di capitale di 1,1 miliardi.

Ma per Goldman Sachs anche Banco Popolare e BpM a rischio – Fatte le somme, solo l’1% del deficit di capitale si concentrerà in Italia, dove per le 15 banche sottoposte alla valutazione il capitale pregiato (“cet 1″) sarà in media, dopo la “prova da sforzo”, del 7,5% sugli attivi, contro il 6,3% della Germania e il 7,3% della Francia. Conclusioni, quelle di Mediobanca Securities, più ottimistiche per le banche italiane rispetto ai risultati di un sondaggio condotto la settimana scorsa da Goldman Sachs tra 125 investitori istituzionali. Gli intervistati avevano individuato le stesse Mps e Commerzbank come le più a rischio di non superare la soglia del 5,5% del patrimonio primario. Ma la classifica comprendeva, accanto a Banco Comercial Portugues, alle greche Piraeus Bank e Eurobank e all’austriaca Raiffeisen, anche il veronese Banco popolare e la Banca popolare di Milano.

(fonte: Ilfattoquotidiano.it)


Ultime da Economia
Kickstarter sarÓ disponibile anche per l┤Italia
Nuove start up per valorizzare il turismo in area adriatica
L┤Unione Europea indaga Amazon per abusi nel mercato editoriale
Italian Master Start up, vince un┤app del Politecnico
Istituita una pagina web nazionale per i finanziamenti alle start up
Edison premia le migliori start up alla all┤Innovation Week
Una start up per catalogare le start up
La ricerca salvaguarda il made in Italy
Il Parma calcio andrÓ all┤asta
Expo, gli eventi della Commissione Europea

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS