Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

24/6/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























POLITICA
Nuova legge elettorale

L┤Italicum 2.0

renzipadoan

L┤emendamento Esposito, il cosiddetto "super canguro", taglia quasi tutte le altre proposte di modifica contrarie: ecco come cambia il testo.
Vincenzo Genovese 23 Gennaio 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
 Articoli simili
 Confindustria sta con Renzi
 A chi conviene la nuova legge elettorale
Le settimane decisive per l´approvazione della nuova legge elettorale, il cosiddetto Italicum, ormai, non si contano più. Una dvolta decisiva sembra però essere arrivata con il via libera del Senato all´emendamento proposto dal senatore Pd Stefano Esposito. Ribattezzato "super-canguro", l´emendamento taglia quasi tutte le altre proposte di modifica alla legge elettorale contrarie.

I pilastri su cui poggia la legge, nati dall´accordo fra il Partito Democratico di Matteo Renzi e il leader dell´opposizione Silvio Berlusconi, restano invariati: è previsto un premio di maggioranza di 340 seggi alla lista che supera il 40%. La norma è stata fortemente voluta dal premier Renzi per evitare il potere di interdizione dei piccoli partiti, ma anche Berlusconi alla fine ha accettato.

Se al primo turno nessuna lista supera il 40% dei voti si va al ballottaggio tra le due liste che hanno ottenuto più voti. Chi vince incassa i seggi in palio.

Il territorio italiano sarà suddiviso in  cento collegi plurinominali. In ogni collegio vengono reintrodotte le preferenze, tranne che per i cento capilista che verranno scelti dalle segreterie dei partiti o attraverso le primarie.
Niente ritorno alle preferenze pure quindi, con una norma che privilegia i capilista, il cui nome è l´unico a essere prestampato sulle schede elettorali.

Nessuno può essere candidato in più collegi, salvo i capilista, fino a un massimo dieci collegi: in questo modo gli elettori sono sicuri che il candidato votato possa rappresentare solo il loro collegio.

La soglia disbarramento unica al 3% manda in pensione le 3 precedenti: 4,5% per le liste coalizzate, 8% per le liste non coalizzate e 12% per le coalizioni. La norma è stata voluta da Ncd e accettata da Renzi, perché il premio alla lista è già una garanzia di non ricattabilità da parte dei piccoli partiti.

Le due preferenze che si possono apporre accanto al simbolo del partito dovranno necessariamente essere rivolte a un uomo e a una donna, pena la nullità del voto. Inoltre, i capilista dello stesso sesso non possono superare il sessanta per cento del totale.

Ma Matteo Renzi non potrà usufruire subito della nuova legge: la clausola di salvaguardia che è sta inserita prevede l´entrata in vigore al primo luglio 2016, in modo da evitare che il Presidente del Consiglio sia tentato dall´accelerare un ritorno alle urne, ora che è in posizione dominante nel panorma politico.


Ultime da Politica
Il Parlamento greco ha approvato il primo pacchetto di misure imposte dall┤UE
Approvato al senato il maxiemendamento sulla riforma della scuola
Il senato approva il ddl che introduce il reato di omicidio stradale
Domenica 31 Maggio si voterÓ in 7 regioni
I rapporti tra Vaticano e Palestina
La buona scuola in un video
La Commissione Europea e la sfida della nuova Agenda Europea sull┤Immigrazione.
La Camera ha approvato la nuova legge elettorale: arriva l┤Italicum
Salta la candidatura di Nino Di Matteo alla Procura nazionale
Ue, no all┤intesa Ungheria-Russia sul nucleare

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS