Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

13/12/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























RICERCA E SVILUPPO
Gli automatismi si basano sulla ripetizione del contesto

Le abitudini: come crearle, come perderle


Numerosi studi si focalizzano sulla nascita e il mantenimento delle abitudini. Come si creano? E quali sono i modi migliori per automatizzare un gesto?
Redazione 13 Agosto 2014 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
(fonte foto:ricchezzavera)
Gli studi dimostrano che circa il 40% dei gesti quotidiani sono eseguiti ogni giorno in maniera simile e in situazioni quasi uguali. Quasi la metà dei nostri movimenti, quindi, sembrano abitudinari, anche se spesso non ce ne accorgiamo. Wendy Woods, alla convention annuale dell’American Psychological Association, spiega che il nostro comportamento deriva dalla ricerca di uno schema nelle azioni che portano un buon risultato. La prima volta che si esegue un movimento in seguito a uno stimolo qualsiasi si attiva la corteccia prefrontale, che permette di prendere decisioni. Ripetendo il gesto in un contesto simile, l’informazione viene rielaborata, l’obiettivo finale perde di importanza e l’azione diventa meccanica. Quando ripetiamo gli stessi movimenti in contesti simili, quindi, il nostro cervello crea un’associazione automatica tra stimoli esterni e risposte del nostro corpo, che ci permette di eseguire certi gesti anche soprappensiero. 
 
Una tra le principali differenze tra le azioni volontarie e quelle dettate dall’abitudine è la possibilità di modificare il nostro comportamento. Infatti, mentre è più facile prendere decisioni che ci portano a modificare un’azione volontaria (in quanto il nostro cervello, conscio del movimento, presta attenzione a tutti i gesti eseguiti), ricostruire dettagliatamente il modo in cui svolgiamo azioni involontarie sembra più difficile, ostacolando le possibilità di cambiare abitudini.
 
In un test, è stato chiesto a dei partecipanti di assaggiare del popcorn, in metà dei casi stantio. Quando il popcorn è stato distribuito ai volontari all’interno di un cinema, le persone abituate a mangiarlo durante la proiezione hanno consumato la stessa quantità di popcorn, indipendentemente dal suo essere stantio o fresco. Questo dimostra che, quando entra in azione l’abitudine, la mente si concentra su qualcos’altro e il gesto diventa meccanico.
 
Ma quindi, come possono essere cambiate le abitudini? Nonostante molti corsi e workshop sembrino funzionare nello stimolare la motivazione dei partecipanti, i partecipanti raramente applicano le nozioni nella vita quotidiana. Secondo Woods, ci sono tre passi da fare quando si vuole cambiare abitudini. In primo luogo, bisogna cambiare il contesto dell’azione, in quanto i gesti meccanici entrano in atto generalmente in scenari simili. Cambiare percorsi e orari può essere un buon inizio. Secondariamente, ricordarsi che la chiave degli automatismi è la ripetizione. Per creare una buona abitudine, bisogna effettuare lo stesso gesto per un lasso di temo dai 15 ai 254 giorni. Infine, per mantenere la meccanicità dell’azione, bisogna cercare di ripeterla in un contesto fisso, in modo da automatizzarla.
 

Ultime da Ricerca e sviluppo
Gran parte dell┤intelligenza si eredita dalla mamma
Italia-Israele: Ŕ sfida
Da Telethon oltre 1.480.000 euro alla ricerca scientifica in Veneto
Dopo 9 anni la sonda New Horizons ha raggiunto Plutone
Ricerca Unimib: frugando tra i ricordi i nostri occhi sembrano laser
Un collirio per la cura delle malattie neurodegenerative
Sul lungo termine gli antibiotici rendono i batteri pi¨ forti
Moglynet, tre milioni di euro al progetto coordinato dalla Statale di Milano
Trieste Next 2015, il salone europeo della ricerca scientifica
Finanziamento di 66 milioni per innovazione e ricerca in Emilia Romagna

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS