Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

25/4/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























SPORT
La nuova frontiera dell┤ecologia

Animali ed insetti ispirano architetture pi¨ efficienti


Un nuovo modello elaborato con il nome di "blue economy"
Redazione 8 Maggio 2014 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
La nuova frontiera dell’ecologia scavalca la green economy proiettandosi verso un concetto che stravolge l’attuale modo di intendere l’economia e la produzione, ovvero un nuovo modello elaborato con il nome di blue economyLa blue economy, teorizzata da Gunter Pauli, trae ispirazione dagli ecosistemi naturali (per esempio dalle strategie di sopravvivenza di animali e insetti) e intende affrontare le problematiche inerenti la sostenibilità non solo investendo nella tutela dell’ambiente e in architetture più efficienti,  ma cercando di trarre vantaggio anche dalla rigenerazione, riutilizzando quelli che sono considerati rifiuti del nostro tempo al fine di rendere possibile a tutti trarre benefici dall’eterno flusso creativo e dall’abbondanza presente in natura
Per questo s’ispira a ecosistemi naturali, nei quali tutto viene riutilizzato secondo un ciclo detto “a cascata”, dove gli scarti di una produzione diventano le materie prime di una nuova fase. Anche per quanto riguarda l’architettura vi sono dei progetti o idee che si possono inserire nel modello della blue economy, e che per essere efficienti si ispirano a sistemi e tecnologie utilizzati in natura da animali e insetti per sopravvivere, per esempio, adattandosi a determinate condizioni climatiche, come il raffrescamento superficiale del manto delle zebre e i sistemi di ventilazione dei termitai.
Il manto delle zebre è conosciuto per essere un’efficace sistema di controllo del calore, infatti mentre il bianco riflette la luce riducendo la temperatura superficiale, il nero fa il contrario assorbendo il calore, e la differenza di pressione tra l’aria più calda e più fredda delle strisce del manto innesca un serie di micro correnti che sono in grado di ridurre la temperatura percepita dalla zebra fino ad un massimo di 9°C

Il principio adottato da questi animali è stato ripreso dall’architetto svedese Andres Nysquit per il progetto della Daiwa House a Sendai, in Giappone: la Daiwa House sfrutta la combinazione di bianco e nero per regolare la temperatura esterna dell’edificio, che in estate si abbassa di circa 5°C apportando un risparmio energetico del 20%.
Un altro esempio che accomuna la blue economy all’architettura è rappresentato dal dibattito poco noto riguardante il modo in cui sono costruite le abitazioni di alcuni insetti, e uno degli esempi più interessanti in questo settore riguarda i termitai. 
Le termiti, infatti, nei paesi tropicali riescono a realizzare costrizioni particolarissime che possono raggiungere i dodici metri di altezza (come un grattacelo di dieci chilometri per noi umani), costituite da un impasto di erbe, saliva e sterco che seccandosi al vento e al sole si solidifica diventando resistentissimo. 

I termitai sono stati studiati dal team che porta avanti il progetto TERMES (Termite Emulation of Regulatory Mound Environment by Simulation), hanno forme organiche che assomigliano allo sviluppo di frattali di funzioni matematiche complesse, che hanno una loro logica in riferimento alla dinamica dei fluidi, in questo caso dell’aria.
Una delle peculiarità dei termitai è che la temperatura interna viene mantenuta costante a 26°C grazie ad una sapiente regolazione dei flussi d’aria in entrata e in uscita. L’interno dei termitai è infatti composto da una serie di gallerie e torri del vento  che a seconda della loro disposizione verticale o orizzontale, consentono all’aria di prendere velocità in alcuni punti o di rallentare in altri, garantendo condizioni ottimali di temperatura, ventilazione e umidità, anche per la crescita di un particolare fungo di cui le termiti prevalentemente si cibano. 

La logica di costruzione dei termitai è stata utilizzata sempre dall’architetto Anders Nyquist, pioniere della tecnica di costruzione chiamata “eco-cycle adapted”, per progettare diversi edifici tra cui la scuola Laggarber, in Svezia a Timra, costruita nel 1995. Questo edificio sfrutta i principi di ventilazione naturale presenti nei termitai, per cui ogni trenta minuti si ha un completo ricircolo dell’aria, che significa avere studenti più ossigenati quindi attivi e pronti ad apprendere al meglio.
Inoltre questo edificio, realizzato appunto secondo i principi dell’eco-cycle design, è studiato per avere un basso impatto energetico, è autonomo sia per quanto riguarda la provvigione del cibo, grazie all’orto curato dagli stessi studenti, sia per il riciclo delle acque grigie e nere che, dopo essere state depurate, vengono reimmesse nel ciclo per annaffiare il giardino della scuola. Questo progetto è stato fonte d’ispirazione per la costruzione di altre scuole, ed è spesso riportato comeesempio non solo dal punto di vista costruttivo ma anche per la sua funzione educativa e sociale, facilitata dalla struttura stessa.
Questi sono solo due dei molti esempi che potrebbero essere qui riportati a testimoniare la capacità di progettisti e architetti di allinearsi a un nuovo sistema di pensiero volto non solo al rispetto dell’ambiente, ma che si propone di arrivare alla svolta “zero rifiuti”, e questo è possibile grazie ad una continua evoluzione dei materiali, dei componenti e dei sistemi tecnologici costruttivi oltre che grazie all’utilizzo di pratiche ispirate a tecniche già presenti in natura.
 
Info Architetturaecosostenibile.it   

Ultime da Sport
Pallavolo: Mondiali 2018 a Torino
Le maglie del Rayo Vallecano contro le discriminazioni
Il Parma Calcio Ŕ ufficialmente fallito
Il britannico Bradley Wiggins ha stabilito il nuovo record dell┤ora
Qatar, mondiali a Natale
Follia Hoolingans nel centro di Roma
L┤addio di Riquelme
Conte indagato per frode sportiva
Coppa d┤Africa, arbitro fuori per 6 mesi
La guerra delle tv ai siti di streaming

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS