Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

23/7/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























POLITICA
Entro tre mesi la pubblicazione online

Ancora nessuna trasparenza su Renzi


La legge voluta da Mario Monti prevede la pubblicazione online entro i tre mesi a partire dalla nomina avvenuta il 22 febbraio 2014. Tuttavia, nÚ il premier nÚ molti tra ministri, viceministri e sottosegretari hanno ancora reso noti i loro compensi.
Redazione 21 Maggio 2014 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS

Sulla trasparenza il governo Renzi ha già il fiato corto. Mancano 24 ore alla scadenza prevista dalla legge (tre mesi a partire dalla nomina avvenuta il 22 febbraio 2014), e né il premier né molti tra ministri, viceministri e sottosegretari hanno ancora pubblicato online la propria situazione patrimoniale e reddituale. Alcuni stanno rimediando in extremis, proprio in queste ore, come il sottosegretario alla presidenza del consiglio Graziano Delrio. Eppure il decreto Monti parla chiaro: bisogna mettere in rete curriculum, redditi e patrimoni entro tre mesi dalla nomina, altrimenti scattano le sanzioni. Da 500 a 10mila euro “a carico del responsabile della mancata comunicazione”. Adeguarsi con un buon margine di tempo, da parte del governo, sarebbe stato un importante segnale di discontinuità con il passato. Ma non c’è stato.

Sul sito di Palazzo Chigi la griglia per l’amministrazione trasparente è pronta da tempo. Non resta che riempirla. Ma il premier Renzi non lo ha ancora fatto, nonostante il governo prometta diutilizzare la trasparenza e gli open data come uno dei pilastri per “rivoluzionare” la pubblica amministrazione. Non ci sono neppure le dichiarazioni dei ministri Marianna Madia ed Maria Elena Boschi, che sono però recuperabili sul sito della Camera visto che sono parlamentari (anche se la legge prevede che siano accessibili sul sito del governo). All’appello mancano i sottosegretari Angelo Rugetti, Ivan Scalfarotto, Sandro Gozi, Luca Lotti (che hanno però tempo fino al 27 maggio) mentre Graziano Delrio ha provveduto in extremis. Hanno invece già pubblicato i loro redditti il ministro Maria Carmela Lanzetta, e i sottosegretari Marco Minniti, Gianclaudio Bressa, Luciano Pizzetti e Maria Teresa Amici.

Tra i ministri con portafoglio e non parlamentari, al momento tre su sette hanno reso pubblici redditi e patrimonio. Hanno ancora tempo fino al 22 maggio. Manca all’appello il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, il ministro allo Sviluppo economico Federica Guidi, quello al Lavoro Giuliano Poletti e all’Istruzione Stefania Giannini. Mentre hanno già pubblicato redditi e patrimonio il ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina (102mila euro), il ministro degli Affari esteriFederica Mogherini, (110mila euro) e il titolare dell’Ambiente Gian Luca Galletti (137mila euro). Gli altri, tra cui Angelino Alfano (interno), Andrea Orlando (Giustizia), Maurizio Lupi(Infrastrutture e trasporti), Beatrice Lorenzin (Salute), Roberta Pinotti (Difesa) e Dario Franceschini (Cultura), che sono anche parlamentari, dichiarano tutti tra i 90 e i 105 mila euro.

Informazione via Il fatto quotidiano


Ultime da Politica
Il Parlamento greco ha approvato il primo pacchetto di misure imposte dall┤UE
Approvato al senato il maxiemendamento sulla riforma della scuola
Il senato approva il ddl che introduce il reato di omicidio stradale
Domenica 31 Maggio si voterÓ in 7 regioni
I rapporti tra Vaticano e Palestina
La buona scuola in un video
La Commissione Europea e la sfida della nuova Agenda Europea sull┤Immigrazione.
La Camera ha approvato la nuova legge elettorale: arriva l┤Italicum
Salta la candidatura di Nino Di Matteo alla Procura nazionale
Ue, no all┤intesa Ungheria-Russia sul nucleare

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS