Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

16/9/2019  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























SALUTE
Bloccata la parte di riforma relativa ai contraccettivi

Aborto, stallo sulla legge contro l┤obiezione di coscienza


Il Consiglio di Stato ha congelato il decreto Zingaretti dello scorso giugno 2014, che prevede l┤abolizione dell┤obiezione di coscienza per la prescrizione di contraccettivi. Le polemiche sono aumentate negli ultimi giorni.
Redazione 11 Febbraio 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
fonte: tempi.it

Giugno 2014: in un decreto Zingaretti dice no all’obiezione di coscienza per la prescrizione di contraccettivi (come la pillola del giorno dopo o spirale) e al rilascio di certificati per la richiesta di interruzione volontaria di gravidanza (Igv) nei consultori. Una decisione salutata come una rivoluzione a tutela della legge 194 (considerato l’alto tasso di medici obiettori sul territorio italiano e in particolare su quello laziale), ma che oggi, neanche un anno dopo, è stata congelata dalla decisione del Consiglio di Stato che ha accolto un ricorso del Movimento per la vita e delle associazioni dei medici e ginecologi cattolici.

La decisione del Consiglio di Stato in realtà ha accolto per ora solo una parte del ricorso – quella relativa all’obbligo di rilasciare i certificati per la richiesta di interruzione volontaria di gravidanza – come riferisce il Corriere. Nessuna sospensione per la parte del decreto in cui si fa obbligo agli obiettori di prescrivere contraccetivi di emergenza (la pillola del giorno dopo e dei cinque giorni dopo), e su cui torna a far polemica, mettendone in dubbio il carattere di contraccettivo il Movimento per la vita: “Il provvedimento peraltro non ha concesso la sospensiva riguardo a un’altra parte del provvedimento Zingaretti, quella in cui si fa obbligo agli obiettori impiegati nei consultori di prescrivere la pillola del giorno dopo o dei cinque giorni dopo. I giudici non hanno affermato con certezza il carattere non abortivo di questi prodotti”, spiega Carlo Casini presidente del Movimento per la vita: “ma si sono unicamente rifatti ai documenti delle agenzie preposte al controllo dei farmaci europee e nazionali. Vuol dire che la documentazione prodotta dal Movimento ha instillato il dubbio nel Consiglio di Stato. Ciò significa che se saranno dimostrati gli effetti abortivi di queste sostanze, come del resto già risulta da uno studio attento degli stessi documenti ufficiali, l’obiezione di coscienza potrà essere completamente ripristinata”.

La sospensione voluta da Zingaretti si ispirava al principio per cui “il personale operante nel Consultorio familiare non è coinvolto direttamente nella effettuazione di tale pratica” (’interruzione volontaria di gravidanza, nda). La decisione del Consiglio di Stato, sebbene pronunciata in sede cautelare, come ricorda lo steso Casini, va in direzione opposta a quella del Tar, che lo scorso ottobre aveva respinto il ricorso di alcune associazioni per la vita presentato contro il decreto di Zingaretti. “Al Tar del Lazio”, aggiunge Casini: “ritorna ora il processo per un ulteriore approfondimento”.

(wired.it)



Ultime da Salute
Quanto spendono gli italiani in dispositivi medici?
Un disastro chiamato universitario
Arriva il nuovo vaccino per via aerosol
Nuovo Dipartimento di Oncologia alla Statale
Emblem, il defibrillatore sottocutaneo che salva dagli infarti
Ricerca di collegamenti fra cervello e sistema linfatico
Guarito l┤infermiere italiano contagiato da ebola
Un nuovo materiale per rigenerare le ossa degli anziani
Una ricerca ha trovato il punto debole dell┤ebola
L┤Oms chiede un fondo emergenze da 100 milioni

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS